Indice "B"

 

 

 

 

 

Home Su Indice "A" Indice "B" Indice "C"

 

 

 

"UOMINI VERSO L'IGNOTO"
 

DI SILVIO ZAVATTI

 

BACK, Sir George

BADIGIN, Konstantin Sergeivic

BAEGERT, Jakob Johann

BAFFIN, William

BAKER, Sir Samuel White

BAIRD, Patrick Douglas

BALBI, Gaspare

BALBO, Lucio Cornelio

BALDUCCI PEGOLOTTI, Francesco

BALSAN, François

BALZAN, Luigi

BAMONTE, Gerardo

BANKS, Sir Joseph

BARABINO, Bruno

BARANOV, Aleksandr

BARATIERI, Oreste

BARATTI, Giacomo

BARBARO, Giosafat

BARENTS, William

BARRÉ, Michel

BARROW, Sir John

BARTH, Heinrich

BARTLETT, Robert Abraham

BARY, Erwin von

BARAZANA, Alonso

BASOV, Emelyan Sofronovic

BASS, George

BASTIAN, Adolf

BASTIDAS, Rodrigo de

BATES, Henry Walter

BATTLE, Walter Brown

BATTUTA IBN, Mohammed Ibn Abd Allah

BAUDI DI VESME, Enrico

BAUDIN, Nicolas

BAUMANN, Oskar

BEAUCHESNE, Gouin de

BECCARI, Odoardo

BECHERVAISE, Mayston John

BEEBE, William

BEECHEY, Frederick William

BEKE, Charles Tilstone

BELCHER, Sir Edward

BELIGATTI, Cassiano

BELL, Gertrude Margaret Lowthian

BELL, John

BELLENGER, Étienne

BELLINGSHAUSEN, Fabian Gottlieb Thaddeus

BELLONI DU CHAILLOU, Paul

BELLOT, Joseph René

BELTRAME, Giovanni

BELTRAMI, Giacomo Costantino

BELZONI, Giovanni Battista

BENINO, Nicolò

BENZONI, Girolamo

BER (o BAER), Karl Maksimovic

BERESIN, Ilja Nikolajevic

BERING, Vitus

BERLANGA, Tommaso

BERNATZIK, Hugo Adolf

BERNIER, François

BERNIER, Joseph-Elzéar

BERNINI, Giuseppe

BERTÒLA de' Giorgi, Aurelio

BERTOLACCI, Antonio

BERTONIO, Luigi

BESANA, Enrico

BESCHI, Costanzio Giuseppe

BÉTHENCOURT, Jean de

BEURMANN. Moritz von

BIANCHI, Gustavo

BILLE, Steen

BILLINGS, Iosif Iosifovich

BINGER, Louis Gustave

BIRD, Edward Joseph

BISCOE, John

BISHOP, Isabella

BITSCHURIN, Nikita Jakovslevic

BLANCARD, Pierre

BLIGH, William

BLOSSEVILLE, Jules Alphonse René Poret, baron de

BLUNT, Ann

BLUNT, Wilfrid Scawen

BOCK, Karl Alfred

BOGGIANI, Guido

BOLZANI, Urbano Valeriano

BOMBARD, Alain

BONELLI, Emilio

BONELLI, Girolamo

BONFANTI, Maurizio

BONPLAND, Aimé Jacques

BONVALOT, Pierre-Gabriel-Édouard

BONZI, Leonardo

BORBONE, Sisto principe di

BORCHGREVINK, Carsten Egeberg

BORGHERO, Francesco

BORGHESE, Principe Giovanni

BOROUGH, Stephen

BORRI, Cristoforo

BOTTA, Paolo Emilio

BOTTEGO, Vittorio

BOTURINI BENADUCCI, Lorenzo

BOUGAINVILLE, Louis Antoine, barone di

BOUVET DE LOZIER, Jean Baptiste Charles

BOVE, Giacomo

BOWDICH, Thomas Edward

BOYD, Louise Arner

BREHM, Alfred Edmund

BRESSANI, Francesco

BRIELLI, Domenico

BRISSON, Pierre Raymonde de

BROCCHI, Giovanni Battista

BROCCHI, Giovanni Battista

BRØNLUND, Jørgen

BROWNE, William George

BRUCE, James

BRUCE, William Speirs

BRUGIOTTI, Giacinto

BRULÉ, Etienne

BRUN-ROLLET, Antoine

BRUSILOV, Georgij Lvovic

BRUUN, Daniel

BUCH, Leopold von

BUCHAN, David

BUHL, Hermann

BURCKARDT, Johann Ludwig

BURKE, Robert O'Hara

BURMEISTER, Hermann

BURNES, Sir Alexander

BURTON, Sir Richard Francis

BURY, George Wyman

BUSCHAN, Georg

BUTAKOV, Alexei Ivanovic

BUTTON, Sir Thomas

BYLOT, Robert

BYRD, Richard Evelyn

BYRON, John

 

SCHEDE BIOGRAFICHE

 

 

BACK, Sir George - Esploratore inglese, nato il 6 novembre 1796 a Stockport, nel Cheshire, morto a Londra il 23 giugno 1878. Nel 1809 e 1814 combatté contro i Francesi. Nel 1818 fu con Buchan alle Svalbard e poi fu con Franklin nelle spedizioni al Fiume Coppermine (1819-22) e lungo il fiume Mackenzie (1825-27). Nel 1833 guidò una spedizione alla ricerca di J. Ross del quale più nulla si sapeva dal 1829. Svernò a Fort Reliance, presso il Gran Lago dello Schiavo dove nell'aprile del 1834 gli giunsero notizie del ritorno di Ross in Inghilterra. Esplorò ugualmente e cartografò il fiume del Grande Pesce (oggi Fiume Back) fino al suo sbocco nel Mare Artico. Ritornò nell'ottobre del 1835 e nel 1836, con la nave Terror, esplorò altri tratti di costa artica e ritornò in patria nel settembre del 1837.

BADIGIN, Konstantin Sergeivic - Esploratore polare sovietico, nato nel 1910, vivente. Ufficiale di marina. Comandante del rompighiaccio Georgi Sedov, guidò la famosa spedizione del 1938-1940 durante la quale venne raccolta una quantità incredibile di osservazioni scientifiche.

BAEGERT, Jakob Johann - Viaggiatore, geografo e missionario tedesco, appartenente alla Compagnia di Gesù, nato a Schlettstadt (Alsazia) il 22 dicembre 1717, morto a Neustadt il 29 settembre 1772. Ordinato prete nel 1749, due anni dopo partì per la Bassa California dove fondò la missione di S. Ignazio. Visitò in lungo e in largo il paese e lasciò un'importante opera geografica ed etnografica. Quando nel 1767 Carlo III espulse i Gesuiti dalla California, ritornò in Germania.

BAFFIN, William - Esploratore inglese, nato a Londra nel 1584, morto a Ormuz il 23 gennaio 1622. Nel 1612 accompagnò il capitano J. Hall nella ricerca del Passaggio di Nord Ovest. Morto Hall, Baffin ritornò in patria e nel 1615 prese parte alla spedizione del Bylot con la nave Discovery. Entrò nella Baia di Hudson e fece accurate osservazioni scientifiche e geografiche. Nel 1616 si portò, con la stessa nave, nelle acque ad ovest della Groenlandia e scoprì, esplorandolo, il largo seno che porta il suo nome e la numerosa serie di stretti esistenti fra le isole a cui dette i nomi dei finanziatori della sua spedizione. Raggiunse 77° 45' di lat. e tale punto resistette per oltre due secoli agli attacchi degli esploratori. Tutte le sue ricerche e le sue esplorazioni furono dimostrate vere dalle moderne esplorazioni. Dal 1617 al 1619 compì un viaggio nel Golfo Persico e nel Mar Rosso e nel 1620 combatté contro i portoghesi del Forte Kishm. Morì in seguito alle ferite riportate in tale campagna.

BAKER, Sir Samuel White - Esploratore inglese, nato a Londra l'8 giugno 1821, morto a Sandford Orleigh il 30 dicembre 1893. Nel 1861 si recò, con la moglie, sul fiume Atbara e lo esplorò. L'anno dopo andò incontro alla spedizione Speke-Grand e scoprì il Lago Alberto Nyanza rilevandone in parte i contorni: più tardi Gessi lo esplorò minutamente. Nel 1869 fu nominato Pascià dal Governo Egiziano e da quell'anno al 1873 guidò una spedizione armata nell'Africa Centrale per l'abolizione della tratta degli schiavi. Viaggiò poi in Siria, India e Giappone.

BAIRD, Patrick Douglas - Esploratore inglese, nato a Newmarket il 12 luglio 1912. Vivente. Compiuti gli studi ad Edimburgo e a Cambridge, nel 1934-1936 lavorò come geologo nella Sierra Leone. Nel 1934 fu membro della spedizione Wordie nella Groenlandia occidentale e nell'isola di Baffin e nel 1936-1939 prese parte alla spedizione Manning nella Baia di Hudson e nell'isola di Baffin. Nella stessa isola guidò altre due spedizioni scientifiche nel 1950 e 1953: vi si recò anche come alpinista nel 1963, 1965, 1971, 1972, 1973 e 1974. Visitò l'Artide occidentale e lo Yukon nel 1948, 1968 e 1970.

BALBI, Gaspare - Viaggiatore italiano, nato a Venezia nei primi decenni del 1500. Era un gioielliere e nel 1579 partì per l'Oriente allo scopo di acquistare pietre preziose. Attraverso la Mesopotamia raggiunse l'India e la Birmania e dopo nove anni di assenza rientrò in patria dove pubblicò una relazione del viaggio, ricca di notizie commerciali relative ai luoghi visitati, con particolare riguardo ai metodi di navigazione, ai dazi, prezzi, misure, monete, ecc. Oltre le notizie di cui sopra, la relazione del Balbi fu di buon ausilio alla cartografia del XVII secolo.

BALBO, Lucio Cornelio - Generale romano vissuto nel I secolo a.C. Di origine spagnola, nel 72 a.C. ebbe da Pompeo la cittadinanza romana. Cesare lo mandò come questore nella Spagna ulteriore e si distinse per la sua crudeltà. Nel 21-20 a.C., come proconsole in Africa, condusse una spedizione contro i Garamanti (nell'attuale Fezzan) di cui fu il primo a visitare il territorio. Vi giunse da Sabrata dopo una marcia di 1200 Km e occupò la capitale Garama, ora Germa.

BALDUCCI PEGOLOTTI, Francesco - Viaggiatore fiorentino, nato sul principio del Trecento. Come agente della casa commerciale fiorentina dei Bardi viaggiò ripetutamente in Asia verso il 1335. La sua opera Pratica della Mercatura venne pubblicata a Lucca nel 1768 dal Pagnini che la trasse da un codice della Ricciardiana. Le informazioni geografiche sono poco curate, ma in compenso l'opera è ricca di informazioni commerciali.

BALSAN, François - Viaggiatore e archeologo francese, nato nel 1902, morto nel 1973. Nel 1948 attraversò il Kalahari e nel 1951 e 1957 percorse il deserto arabico da Rub al-Khàly dove studiò una cittadella risalente a più di duemila anni or sono.

BALZAN, Luigi - Esploratore scienziato italiano, nato a Badia Polesine nel 1865, morto a Padova nel 1893. Le sue esplorazioni ebbero inizio il 30 dicembre 1890 dal Paraguay e si estesero alle regioni centrali del Sud America. Partì da Itapitapunta sul Rio Paranà e col vaporetto Centauro penetrò in territorio argentino. Dopo lunghe tappe giunse ai piedi della Cordigliera delle Ande e si apprestò a scalarla. Fra le orride giogaie il giovane esploratore studiò attentamente la flora e la fauna ivi esistenti e ne riportò magnifici esemplari. Nel maggio del 1891 giunse nel cuore delle Ande ed ebbe agio di osservare sotto ogni aspetto la vita degli indigeni e lasciarne una dettagliata descrizione. Proseguì il viaggio e penetrò fra le tribù mangiatrici di serpenti a sonagli facendo quivi sventolare la bandiera d'Italia. Nel paese di Covendo osservò gli indiani Mosetene, arricchì le sue collezioni entomologiche e botaniche e prese in esame il linguaggio degli indigeni. Il 4 febbraio 1892 ritornò ad Asunciòn del Paraguay e si imbarcò per l'Italia.

BAMONTE, Gerardo - Viaggiatore e etnologo italiano, nato a Roma il 18 dicembre 1939. Vivente. Nel 1963 viaggiò per sei mesi nella regione dell'Alto Rio Negro (Brasile) e riportò molto materiale etnografico. Nel 1965-1966 fu per 18 mesi nell'Amazzonia brasiliana e visitò alcuni gruppi di popolazioni cosiddette "marginali". Nella stessa regione ritornò nel 1969 e 1970. E' stato inoltre in India, nel Sahara, nel Messico, nell'Amazzonia venezuelana, nel Sud America, nel Sudan e in Lapponia.

BANKS, Sir Joseph - Naturalista ed esploratore inglese, nato a Londra il 13 dicembre 1743, morto il 19 giugno 1820. Rimasto orfano, nel 1764 entrò in possesso di una vasta fortuna e allora intraprese lunghi viaggi a scopo scientifico. Nel 1766 visitò il Labrador e Terranova. Nel 1768 prese parte al viaggio di James Cook con la Endeavour. Visitò così varie regioni e raccolse molto materiale scientifico che, in parte, rimase danneggiato a séguito della collisione della nave con un banco di corallo. Pubblicò pochi lavori e nemmeno molto importanti, ma mise a disposizione di numerosi scienziati il ricco materiale che aveva raccolto nel corso dei suoi viaggi.

BARABINO, Bruno - Viaggiatore ed alpinista italiano, nato a Tortona (Alessandria) il 6 settembre 1910 (morto il 28 settembre 1996 ndr). Prese parte alla seconda guerra mondiale come capitano medico e visse le tragiche giornate della ritirata dal Don. Si dedicò giovanissimo all'alpinismo e ha preso parte o diretto spedizioni al M. Kenya, Caucaso centrale, Groenlandia occidentale, Kilimangiaro, Iran, Ruwenzori, isola di Baffin. Oltre ad interessarsi di alpinismo, ha dato buoni contributi alla conoscenza della geologia, glaciologia e antropologia delle regioni visitate.

BARANOV, Aleksandr - Mercante ed esploratore russo, nato a Kargopol nel 1747, morto a Giava il 13 aprile 1819. Di origini modestissime seppe elevarsi con lo studio e la buona volontà e la tenacia che metteva in tutte le imprese. Nel 1799 venne fondata da Nikolai Petrovich Rezanov la " Compagnia imperiale russo-americana" con lo scopo di fondare degli stanziamenti di coloni russi in Alaska e di commerciare con gli indigeni e fu affidata alla guida di Baranov. Con un'attività frenetica e ben controllata, riuscì a fondare vari stabilimenti a Kodiak (dove fondò S. Paul), Sitka, nell'isola Baranof, San Michele, Nuova Arcangelo, a varare navi per il commercio, a fondare scuole e ad esplorare nuove terre. Visse in America per qualche tempo e si recò poi a Batavia per allargare l'area dei commerci della Compagnia. Ebbe molti onori e decorazioni.

BARATIERI, Oreste - Viaggiatore e generale italiano, nato a Condino (Trento) il 12 novembre 1841, morto a Vipiteno (Sterzing) il 9 agosto 1901. Nel 1860 prese parte alla spedizione dei Mille e per merito di guerra fu promosso capitano. Passò poi nell'Esercito regio e vi fece una brillante carriera. Nel 1875 partecipò alla spedizione geografica, guidata da Orazio Antinori nel Sahara tunisino e lasciò due ottime memorie, una delle quali corredata di una grande carta da lui stesso disegnata. Nominato governatore dell'Eritrea, fu obbligato a dimettersi dopo la sconfitta di Adua.

BARATTI, Giacomo - Viaggiatore italiano, nato a Firenze nei primi anni del 1600. Nel gennaio del 1655 partì da Firenze con alcuni mercanti diretto in Egitto. Dopo una sosta di alcuni mesi Al Cairo si unì ad un abuna abissino e si recò a Suez. Unitosi poi ad un ambasciatore che il Pascià d'Egitto inviava al Negus d'Etiopia, giunse in quel paese che allora, dopo la cacciata dei Gesuiti, era interdetto agli europei. Non sappiamo quanto rimase in Etiopia e quando e come ritornò in patria. Pubblicò una relazione di cui abbiamo una traduzione inglese.

BARBARO, Giosafat - Viaggiatore italiano, nato a Venezia nel 1413, morto nella sua città natale nel 1494. Nel 1436 iniziò i suoi viaggi nell'Oriente e visitò gran parte della Russia meridionale e della Caucasia studiando la lingua, gli usi e i costumi di quei popoli. Nel 1471, in qualità di ambasciatore della Repubblica Veneta partì per la Persia e fu l'unico europeo che poté parlare col re nella lingua del paese. Per due volte fu anche provveditore in Albania, prestò man forte a Nicolò Ducagnino e, più tardi, a Scanderberg mentre combattevano contro i turchi. Dei suoi viaggi in Persia lasciò una relazione che, malgrado sia ricca di racconti fantastici, è la migliore che sia stata scritta nel secolo XV sulla Persia.

BARENTS, William - Esploratore e navigatore olandese, nato verso la metà del secolo XVI, morto in mare, al largo della Novaja Zemlja, il 20 giugno 1597. Nel 1594 si unì alla spedizione comandata dal suo compatriota Jan van Linschoten che doveva "navigare nei mari del Nord per scoprire i reami del Cataio e della Cina" e le due navi commesse al comando di Barents si trovarono davanti alla Novaja Zemlja a 73° 25' lat. N. Tentò di continuare il viaggio ma i ghiacci lo bloccarono a 77°, onde si vide costretto al ritorno. L'anno dopo partì per il Mare di Cara con una flotta mercantile olandese, ma le pessime condizioni atmosferiche e climatiche lo costrinsero di nuovo al ritorno. Nel 1596 era pilota di una spedizione al comando di Heenskerk e scoprì l'isola dell'Orso e le coste meridionali delle Svalbard. Risalì la costa fino ad 80° e ritornò all'Isola dell'Orso dove si divise dai suoi compagni. Girò ad oriente e doppiò il capo settentrionale della Novaja Zemlja denominandolo Capo Maurizio. Stretto dai ghiacci si preparò allo svernamento - il primo che la storia polare ricordi - ma non essendo libera la nave neppure nella primavera successiva, iniziò il viaggio di ritorno su due canotti e soccombette alla fatica e alle privazioni dopo aver fissata sulla carta la via che i compagni dovevano seguire per salvarsi.

BARRÉ, Michel - Esploratore francese, ufficiale di Marina, nato l'8 maggio 1919. Vivente. Nel 1950-1952 comandò la spedizione francese in Terra Adelia (Antartide). Svernò a Port-Martin e compì ricerche nel campo dell'elettricità atmosferica e dei campi elettromagnetici.

BARROW, Sir John - Viaggiatore inglese, nato a Dragley Beck nel 1764, morto a Londra nel 1848. Di umile origine, seppe elevarsi ai più alti ranghi della vita sociale (nel 1835 fu nominato baronetto) con lo studio e l'onestà. Nel 1792 accompagnò in Cina la prima ambasciata inglese in quel paese e poi viaggiò per alcuni anni nella regione del Capo di Buona Speranza col connazionale Macartney e disegnò la prima valida carta della regione. Da ragazzo era andato alle Svalbard. Dal 1803 al 1845 fu segretario dell'ammiragliato e in tale incarico non solo favorì, ma suscitò le grandi spedizioni inglesi alla ricerca dei Passaggi di NW e di NE.

BARTH, Heinrich - Esploratore tedesco, nato ad Amburgo il 16 febbraio 1821, morto a Berlino il 25 novembre 1865. Nel 1845 visitò il Marocco e nel 1849 partì con la grande spedizione inglese comandata da Richardson. Morto il capo Barth esplorò il lago Ciad, il fiume Sokoto e penetrò nel Timbuctù rimanendovi sette mesi e raccogliendo importanti note sul paese e sugli abitanti.

BARTLETT, Robert Abraham - Navigatore americano, nato nel 1875, morto il 28 aprile 1946. E' stato uno dei più valenti uomini di mare dell'epoca contemporanea e partecipò a molte spedizioni artiche, le più importanti delle quali con Robert Peary che egli stimava sopra tutti gli uomini. Nel 1913-14 comandò la Karluk della spedizione Stefansson e nel 1917 guidò una spedizione che aiutò McMillan partito alla ricerca della fantomatica Terra di Crocker. Dal 1917 al 1946 navigò continuamente nell'Artico con la nave Morrissey. Nel 1930 guidò una spedizione nella Groenlandia orientale. Concorse efficacemente alle ricerche oceanografiche polari ed era considerato il migliore capitano dei ghiacci.

BARY, Erwin von - Esploratore tedesco, nato a Monaco nel 1846, morto improvvisamente a Gat il 4 ottobre 1877, probabilmente avvelenato. Studiò l'arabo e il tuareg e nel 1875 si trasferì a Tripoli da dove partì per una prima escursione nel Gebel. Il 29 agosto 1876, sotto le spoglie di un medico turco, si aggregò alla carovana di un mercante tripolino e partì per l'oasi di Gat che raggiunse, lungo la via dell'Hamada el-Homra, il 10 ottobre. Vi rimase fino al 4 gennaio 1877. Tentò di raggiungere Timbuctù, ma non vi riuscì e ritornò a Gat il 3 ottobre 1877.

BARAZANA, Alonso - Viaggiatore e missionario spagnolo, noto anche sotto il nome di Barcena, nato a Baeza verso il 1529, morto a Cuzco il 1° gennaio 1598. Apparteneva alla Compagnia di Gesù. Nel 1569 fu inviato nelle missioni del Perù; nel 1585 fu in Argentina e nel 1584-1585 nella regione del Paranà. Scrisse vari dizionari e grammatiche delle lingue aymara e quichua, ma tutto questo materiale rimase inedito e andò perduto.

BASOV, Emelyan Sofronovic - Viaggiatore russo, nato a Tobolsk verso il 1705, morto forse nel 1765. Da contadino divenne sergente del porto di Okhotsk: organizzò e comandò le prime spedizioni commerciali nell'isola Commander e nelle isole Aleutine.

BASS, George - Esploratore inglese, nato a Asworthy nel 1760, morto nell'America Meridionale nel 1812. S'imbarcò, in qualità di medico, sulla nave da guerra Reliance che si recava in Australia e diventò l'amico intimo del navigatore inglese Flinders. Insieme esplorarono la costa australiana da Botany Bay al Port Kembla. Ottenne dal governatore di Bot-Jackson una scialuppa baleniera con sei uomini e nel 1798 scoprì, a S.E. del continente australiano, lo Stretto che ancor oggi porta il suo nome.

BASTIAN, Adolf - Viaggiatore ed etnografo tedesco nato a Brema il 26 giugno 1826, morto a Trinidad (Antille) il 3 febbraio 1905. Dal 1851 al 1859 visitò la Nuova Zelanda, Perù, Messico, California, Cina, Indocina, India, Asia Anteriore, Egitto, Africa Meridionale. Lasciò numerose opere, ricche di osservazioni originali, ma poco chiare e quindi poco conosciute.

BASTIDAS, Rodrigo de - Navigatore spagnolo, nato in un paese nei dintorni di Siviglia nel 1460, morto a Cuba nel 1520. Nel 1500 si recò in viaggio di esplorazione sulle coste del Venezuela, già in parte rilevate dal Vespucci, scoprì il Cabo de la Vela e fece la circumnavigazione del Golfo del Darien risalendo poi fino ai pressi dell'attuale Canale di Panama. Nel viaggio di ritorno naufragò sulle coste della Spagnola e venne spogliato del poco che aveva potuto salvare dal naufragio dal governatore dell'isola e mandato prigioniero in Spagna. Venne poi liberato per ordine del re e largamente compensato dei danni subiti. Nel 1515 fondò una colonia sulle coste da lui scoperte ed esplorate. Volendo però opporsi ai soprusi dei coloni ai danni degli indigeni, fu sorpreso da una rivolta. Gravemente ferito, riuscì a raggiungere Cuba dove poco dopo morì.

BATES, Henry Walter - Naturalista e viaggiatore inglese, nato a Leicester l'8 febbraio 1825, morto a Londra il 16 febbraio 1892. Nell'aprile del 1848 si unì a Alfred R. Wallace per esplorare l'Amazzonia e vi rimase fino al giugno del 1859 compiendovi numerosissimi rilievi e facendo raccolte naturalistiche di grande valore.

BATTLE, Walter Brown - Esploratore inglese, nato a Leeds il 23 dicembre 1919, morto nell'Artide il 13 luglio 1953. Nel 1948 organizzò e guidò una spedizione di quattro uomini nella Groenlandia orientale e compì ricerche geomorfologiche sul Ghiacciaio Pasterze. Nel 1949 ritornò nella stessa regione e completò le ricerche iniziate nell'anno precedente.

BATTUTA IBN, Mohammed Ibn Abd Allah - Viaggiatore arabo, nato a Tangeri il 24 febbraio 1304, morto a Fez nel 1368 0 1369. Nel 1325 iniziò la lunga serie dei suoi viaggi che doveva riportarlo in patria soltanto ventiquattro anni dopo. Visitò l'Egitto, la Palestina, la Mecca, la Persia, l'Iraq, l'Arabia, l'Asia Minore, la Russia e la Siberia. Andò poi in India dopo aver attraversato il Turkestan e l'Afganistan e a Delhi quel raja lo incaricò di andare in Cina come ambasciatore. Alla fine del 1349 ritornò a Fez, da dove ripartì per visitare la Spagna e il Marocco spingendosi fino a Timbuctù. Nel 1354 fece ritorno in patria dove rimase fino alla morte. Dettò allo scrittore andaluso Ibn Giuzayy la sua relazione (Rihla) che è importantissima per la conoscenza del mondo islamico e di quello non islamico. Vi si nota soprattutto l'esattezza nella descrizione dei luoghi, delle persone e dei fatti storici.

BAUDI DI VESME, Enrico - Esploratore italiano, nato a Torino il 21 novembre 1857, ivi morto il 22 marzo 1931. Nel 1890 compì un notevole viaggio da Berbera verso l'interno del paese dei Somali, spingendosi fino al versante meridionale dei monti Bur-Dap. Partì più tardi da Berbera con l'aban Aden Ismail, 27 somali armati e quindici cammellieri con trenta cammelli, raggiungendo il villaggio di Harar-es-Seghir. Lungo la via fece importanti osservazioni e rilievi. Si volse quindi a Milmil, Ima e Carunle ritornando a Harar in séguito ai crescenti pericoli rappresentati dalle cavallette e dai soldati di Menelik. Ad Harar venne arrestato e fu liberato solo per l'intervento di Antonio Cecchi e Pietro Felter. Nel suo secondo viaggio lo accompagnò l'ingegnere veronese Giuseppe Candeo.

BAUDIN, Nicolas - Esploratore francese, nato nell'Isola del Re nel 1750, morto nell'Isola di Francia il 16 dicembre 1803. Dopo aver viaggiato nell'India e nelle Antille, nel 1800 esplorò la costa meridionale dell'Australia fra 140° E e l'Isola di Kanguru e ne lasciò un'ottima relazione.

BAUMANN, Oskar - Esploratore austriaco, nato a Vienna il 25 giugno 1864 e ivi morto il 12 ottobre 1899. Nel 1885 accompagnò O. Lenz alla ricerca di Emin Pascià e risalì il Congo fino alle cascate di Stanley dove una malattia lo obbligò al ritorno. Nel 1888 tentò invano, con Hans Mayer, di raggiungere il Kilimangiaro attraverso l'Usambara che esplorò con molta cura. Nel 1892 esplorò la regione compresa fra il Lago Vittoria, il Tanganica e la costa del Kenya e risalì il Caghera che riconobbe come il più lontano ramo sorgentifero del Nilo. Nominato console tedesco a Zanzibar, fece un importante lavoro di ricerca geografica e geologica su quell'arcipelago.

BEAUCHESNE, Gouin de - Navigatore francese, morto nella prima metà del XVIII secolo. Nel 1698 partì da La Rochelle al comando di una spedizione navale che doveva esplorare i Mari del Sud. Nello stretto di Magellano prese possesso di un'isola che battezzò Louis-le-Grand. Risalendo le coste del Cile, cadde in un'imboscata tesagli da filibustieri francesi e dovette pagare 50.000 corone di riscatto. Ridiscese allora al Sud, doppiò il Capo Horn, scoprì, a 240 Km E della Terra del Fuoco, l'isola Beauchêne (56°51' lat. S) e ritornò in Francia.

BECCARI, Odoardo - Esploratore italiano, nato a Firenze il 16 novembre 1843, ivi morto il 25 ottobre 1920. Laureatosi in Scienze Naturali a Bologna, si recò nel Borneo compiendovi importanti studi naturalistici e geografici e nel 1870 fu con Antinori nella regione di Ceree. Si recò poi nella Nuova Guinea, rivelando i costumi e le abitudini di quei popoli e studiando profondamente la vita animale e vegetale dell'isola.

BECHERVAISE, Mayston John - Esploratore australiano, nato nel 1910. Vivente. Nel 1952 comandò la stazione scientifica australiana nell'isola Heard; nel 1955-1956 quella a Mawson (Antartide) e nel 1959 -1960 ancora la stessa stazione.

BEEBE, William - Scienziato statunitense, esploratore degli abissi marini, nato nel 1870. Dal 1899 fu capo del reparto di ornitologia della Società Zoologica di New York. Con una batisfera di sua invenzione, il 15 agosto 1934 scese a 923 metri sotto il livello del mare, nelle acque delle Bermude. L'impresa segnò allora un record sensazionale e permise il primo studio diretto del fondo marino e della fauna bentonica. Lo accompagnava il dott. Otis Barton.

BEECHEY, Frederick William - Esploratore inglese, nato a Londra il 17 febbraio 1796, morto il 29 novembre 1856. Nel 1818 accompagnò il capitano Buchan nella sua spedizione artica e raggiunse 80° 34' N. Era imbarcato sul brigantino Trent comandato da John Franklin. L'anno dopo fu con Parry a bordo dell'Hecla e nel 1821-1822 comandò un'importante campagna idrografica e cartografica lungo la costa libica. Nel 1825 ebbe il comando del Blossom che, doppiato il Capo Horn, raggiunse lo Stretto di Bering per tentare di ricongiungersi alle spedizioni di Franklin e Parry che stavano cercando il passaggio del Nord ovest. Un battello del Blossom, guidato da Thomas Elson, raggiunse nell'agosto 1826 71° 23' N e 156° 21' W. La spedizione rientrò nel 1828. Più tardi Beechey fu mandato a compiere osservazioni lungo le coste atlantiche del Sudamerica e dal 1837 fu occupato a rilevare le coste irlandesi.

BEKE, Charles Tilstone - Viaggiatore inglese, nato a Stenney il 10 ottobre 1800, morto a Bomley (Kent) il 30 luglio 1874. Dal 1840 al 1844 viaggiò in Etiopia ed esplorò lo Scioa, il Goggiam e il Damot, riportando osservazioni geografiche e naturalistiche che per lungo tempo fecero testo. Nel 1874, pochi mesi prima della morte, esplorò il Sinai con l'idea, non realizzata, di determinare l'esatta posizione del Monte Sinai. Si interessò molto di commerci e nel corso delle sue spedizioni cercò anche di aprire nuovi sbocchi commerciali a favore dell'Inghilterra.

BELCHER, Sir Edward - Navigatore inglese, nato nel 1799. Nel 1825 prese parte alla spedizione artica comandata da Beechey e dal 1836 al 1842 esplorò le coste occidentali dell'America e alcuni arcipelaghi indocinesi. Dal 1843 al 1848 compì un importante viaggio nei Mari del Sud ed esplorò l'arcipelago del Borneo visitandone i porti principali. Nel 1852 venne incaricato di ricercare Franklin fra i ghiacci artici, ma fu obbligato ad abbandonare la nave per salvare l'equipaggio. Apparso dinanzi ad una Commissione militare venne assolto con onore.

BELIGATTI, Cassiano - Viaggiatore e missionario italiano, nato a Macerata nel 1708, ivi morto nel 1785. Nel 1740, accompagnato da altri dodici missionari, partì per il Tibet e giunse a Lhasa nel gennaio del 1741 dopo un lungo e faticoso viaggio attraverso l'Himalaia e il Transimalaia. Rimase 19 mesi nella capitale del Tibet e raccolse molte notizie sugli usi e costumi, feste e cerimonie religiose di cui fu un attento spettatore. Lasciò molte opere di cui alcune, ancora inedite, sono nella Biblioteca comunale di Macerata. Il suo lavoro più importante è la relazione del suo viaggio al Tibet della quale ci rimane soltanto il primo libro. Il secondo, certamente più importante, non è stato mai ritrovato.

BELL, Gertrude Margaret Lowthian - Viaggiatrice inglese, nata nella Contea di Durham nel 1868, morta a Baghdad nel luglio del 1926. Nel 1899-1900 visitò i Drusi del Gebel e vi ritornò cinque anni dopo recandosi poi a Damasco attraverso la sconosciuta steppa di Safa. Nel 1907 ritornò in Asia Minore con l'archeologo William Ramsay e fece importanti studi sulle chiese cristiane dei primi secoli. Due anni dopo partì da Aleppo e fece un viaggio lungo l'Eufrate esplorando poi i monumenti dell'alta valle del Tigri. Nel 1913-14 si portò ad Hail, capitale del Neged settentrionale, attraversando il deserto Nefud e ritornò a Damasco per la pericolosa regione del Neged. Si stabilì a Baghdad dove fu nominata direttrice onoraria delle Antichità.

BELL, John - Viaggiatore scozzese, nato a Antermony nel 1691, morto in Scozia nel 1790. Recatosi in ancor giovane età alla corte di Pietro il Grande, fece vari viaggi in Asia al seguito delle ambascerie russe. Visitò la Persia, Pechino e nel 1737 fu inviato a Costantinopoli. I suoi viaggi durarono complessivamente sedici mesi e lasciò una relazione ricca di notizie etnografiche.

BELLENGER, Étienne - Mercante e viaggiatore francese, della cui vita nulla si conosce, se non che era di Rouen. Nel gennaio o febbraio del 1583 (per altri il 24 novembre 1582) si imbarcò sulla nave Chardon, di 50 t, comandata dal capitano Michel Costé, per raggiungere l'America del Nord dove doveva commerciare. Bellenger sbarcò nella Nuova Scozia, non sappiamo esattamente dove, insieme ad altri venti uomini per acquistare pellicce. Reimbarcato Bellenger, la Chardon esplorò accuratamente la costa dell'estremità meridionale della Nuova Scozia che era allora conosciuta molto imperfettamente e, in parte, ignota.

BELLINGSHAUSEN, Fabian Gottlieb Thaddeus - Navigatore russo, nato a Osel (Estonia) il 20 settembre 1778, morto a Kronstadt il 25 gennaio 1852. Nel 1803 fece il giro del mondo con Krusenstern e nel 1819-1821 guidò le corvette Vostok e Mirnyy in un viaggio di esplorazione antartica. Scoprì le isole Traversay, Pietro I e vide una costa lontana che chiamò Terra Alessandro I e che è l'attuale isola dello stesso nome. Fece importanti rilievi geografici e cartografici sull'isola San Giorgio e su alcune isole delle Sandwich Australi.

BELLONI DU CHAILLOU, Paul - Esploratore e naturalista americano, di origine francese, nato a New Orleans il 31 luglio 1835, morto a Pietroburgo il 29 aprile 1903. Il padre lo portò, ancora ragazzo, sulla costa africana del Gabon e Paul imparò la lingua del paese e cominciò a fare raccolte naturalistiche che più tardi riportò in America. Nel 1855 ritornò nel Gabon, esplorò il corso del Rio Muni e il bacino dell'Ogouè. Oltre alle scoperte geografiche, raccolse ricche collezioni e fece importanti osservazioni sui costumi dei gorilla. Nel 1863 ritornò in Africa e risalì l'Ogouè fino alla long. E di 12° 30'. Passò poi alcuni anni in Scandinavia e in Russia dedicandosi a ricerche folcloristiche.

BELLOT, Joseph René - Esploratore francese, nato a Parigi il 18 marzo 1826, morto fra i ghiacci artici mentre ricercava Franklin il 18 agosto 1853. Ancora giovanissimo entrò nella Marina ed ebbe la prova del fuoco a Tamatava (Madagascar) durante un combattimento, meritandosi elogi e promozioni. Nel 1851 chiese a Lady Franklin il permesso di porsi a capo di una spedizione che partiva alla ricerca del marito. Il 22 maggio dello stesso anno s'imbarcò sulla goletta Prince Albert e salpò da Aberdeen. Dopo due anni di ricerche infruttuose, ma feconde di risultati geografici, Bellot fece ritorno in patria. Nel 1853 partì nuovamente con la nave Phoenix sempre diretto alla ricerca di Franklin, ma un crepaccio apertosi improvvisamente durante un'escursione lo inghiottì.

BELTRAME, Giovanni - Viaggiatore e missionario italiano, nato a Valeggio sul Mincio l'11 novembre 1824, morto a Verona l'8 aprile 1906. Nel 1853 si recò a Khartoum e nel 1854 risalì il Nilo Azzurro e raggiunse Beniscangal raccogliendo importantissime note etnografiche. Nel 1858 risalì il Nilo Bianco e tentò di esplorare, senza potervi riuscire, il corso del Sobat. Studiò particolarmente la lingua e i costumi dei Denka.

BELTRAMI, Giacomo Costantino - Esploratore italiano, nato a Bergamo nel 1779, morto a Filottrano (Ancona) il 6 gennaio 1855. Laureatosi in Legge e ritiratosi a vita privata nel 1814, desiderò viaggiare per conoscere gli ordinamenti legislativi dei vari popoli e, dopo aver visitato l'Italia e parte dell'Europa, andò a Liverpool da dove partì per gli Stati Uniti d'America. Fece parte della Missione militare che, guidata dal generale Clarke, doveva passare in rassegna i forti americani posti lungo le sponde del Mississippi e poté seguirla fino all'incrocio del Mississippi col Minnesota. Durante un breve soggiorno in questo luogo fece varie incursioni nell'interno studiando gli usi e i costumi dei pellirosse finché si unì alla spedizione del maggiore Long che passava di là diretta all'esplorazione delle regioni confinanti coi domini inglesi. Beltrami seguì la spedizione fino al Red River che discese fino a Pembina. Qui si staccò dal Long desiderando raggiungere il Red Lake River che, a suo parere, doveva condurlo alla scoperta delle sorgenti del Mississippi. Partì il 9 agosto 1823 con due indiani (che presto lo abbandonarono) e raggiunse, da solo, la meta il 31 agosto e in un piccolo lago, da lui chiamato Lago Giulia, riconobbe la sorgente più settentrionale del grande fiume. Ridiscese il fiume sul suo fragile canotto e alla fine di settembre giunse al forte sant'Antonio da dove era partito. Dopo avere compiuti vari viaggi nel Messico fece ritorno in Italia. Le opere da lui lasciate lo mettono fra i più arditi e valorosi esploratori del secolo scorso.

BELZONI, Giovanni Battista - Esploratore ed egittologo italiano, figlio di un povero barbiere, nato a Padova il 15 novembre 1778, morto a Gwato (Brnin) il 3 dicembre 1823. Appartenne prima ad una comunità religiosa e abbandonò l'ordine sacro durante l'assedio dei Francesi a Roma, conducendo in seguito una vita assai avventurosa. Nel 1810 fu in Inghilterra come saltimbanco e cinque anni più tardi si stabili in Egitto e iniziò la ricerca di opere antiche per conto dei musei inglesi. Nel 1817 scoprì la tomba di Sethos I e l'anno successivo la piramide di Chefren. Nel 1822 iniziò un viaggio di esplorazione nel Sudan diretto alle sorgenti del Nilo, e nella Nubia scoprì due templi scavati nelle rupi appartenenti al complesso di Abu Simbel.

BENINO, Nicolò del - Viaggiatore italiana del secolo XVI, nativo di Firenze. Della sua vita non si conosce altro che nel 1564 fu nel Perù da dove invio una lunga lettera descrittiva all'amico suo Galeotto Cei.

BENZONI, Girolamo - Viaggiatore italiano, nato a Milano nel gennaio del 1520. All'età di vent'anni si recò in America e vi rimase fino al 1556. Ritornato in patria pubblicò un importante relazione del suo viaggio. Non si conosce il luogo e la data della sua morte. La critica è molto restia ad accogliere come vera la relazione e si pensa che effettivamente il Benzoni sia stato nel nuovo mondo ma che, incolto com' era, abbia poi attinto a larga mano ai lavori di altri viaggiatori .

BER (o BAER), Karl Maksimovič - Geografo ed esploratore russo, nato nel 1792, morto nel 1876. Fece molti viaggi nell'Artide ed esplorò anche i mari che bagnano la Russia europea.

BERESIN, Ilja Nikolajevič - Orientalista ed esploratore russo, nato nel Governatorato di Perm nel 1818, morto nel 1896. Dal 1842 al 1845 viaggiò in Persia, Mesopotamia e Asia Minore fino alla Siria e all'Egitto. Le sue relazioni sono quanto di meglio si potesse avere in quel tempo.

BERING, Vitus - Esploratore danese, nato a Horsens nel 1681, morto di scorbuto l'8 dicembre 1741 nel mare di Bering. Dopo essere stato ufficiale nella marina del suo paese passò in quella russa e nel 1725 venne inviato in Siberia per accertare la separazione fra l'Asia e l'America. Nel 1728 risalì al Nord e raggiunse il 67° di latitudine, portando a termine il compito affidatogli e riconoscendo lo stretto che oggi porta il suo nome. Il 4 giugno 1741 partì con le navi S.Pietro e S.Paolo per esplorare le coste polari americane e raggiunse i 60° gradi di latitudine, scoprendo il monte S.Elia. Spinto dai venti di SW si fermò presso le isole Shumagin dove egli stesso e quasi tutti i suoi uomini morirono di scorbuto. Nel 1946 alcuni cacciatori di pellicce rinvennero, in una baia della Terra di Bering, i resti della S. Pietro e dell'accampamento di Bering che furono poi oggetto di studio da parte di vari scienziati russi.

BERLANGA, Tommaso - Viaggiatore e missionario italiano, di cui non si hanno notizie. Nel 1535 sembra sia stato il primo a vedere le isole Galapagos. Negli ultimi anni della sua vita fu nominato vescovo.

BERNATZIK, Hugo Adolf - Viaggiatore ed etnologo svizzero, nato a Vienna il 26 marzo 1897 ed ivi morto il 9 marzo 1953. Dal 1923 al 1950 compì numerosissimi viaggi a scopo etnografo nel Riff, Sudan, Nilo Bianco, Indonesia, Lapponia, Indocina, Siam, Burma, Malesia, Africa settentrionale.

BERNIER, François - Medico, viaggiatore e filosofo francese, nato a Jouè (Anjou) nel 1620, morto a Parigi nel 1688. Spinto dalla sete del sapere, ma senza un piano preciso, nel 1654 viaggiò in Palestina e in Siria e due anni dopo si recò in Egitto. Dal 1658 al 1667 fu al servizio del Gran Mogol Awrangzēb, imperatore di Delhi, e lo seguì nei viaggi in Kashmir e a Lahore. Per tutto il 1668 fu in Persia e poi fece definitivamente ritorno in Francia .

BERNIER, Joseph-Elzéar - Navigatore ed esploratore canadese, nato a l'Islet il 1° gennaio 1852, morto a Lévis il 26 dicembre 1934. Fin dagli anni '70 studiò un piano per raggiungere il Polo Nord dallo stretto di Bering, ma non riuscì ad organizzare una spedizione adatta. Nel 1904 divenne comandante del piroscafo governativo Arctic e nei 21 anni seguenti guidò dodici spedizioni nei mari polari, esplorando le isole dell'Arcipelago Artico canadese, la Baia di Hudson e lo Stretto di Hudson. Stabilì numerosi "posti" della Polizia canadese, assicurando così la sovranità canadese sull'arcipelago.

BERNINI, Giuseppe - Viaggiatore e missionario italiano, nato a Gargnano (Brescia) nel 1711, morto a Bettiah nel 1761. Nel 1739 partì missionario per il Tibet e giunto nel Nepal studiò profondamente la lingua, la religione e i costumi di quelle genti. Scrisse molte opere in indostano, i cui manoscritti si conservano in parte nell'Archivio di Propaganda Fide e nelle Missioni cattoliche di Allahabad e Lahore. Lasciò una Descrizione della provincia del Nepal, che, ridotta e tradotta in inglese, venne pubblicata nel vol. II dell' Asiatic Researches. Nell'Archivio di Propaganda Fide si trova il manoscritto di un'altra opera: Notizie laconiche di alcuni usi, sacrifici ed idoli, raccolte nell'anno 1747.

BERTÒLA de' Giorgi, Aurelio - Viaggiatore italiano, nato a Rimini nel 1753, morto nella sua città natale nel 1768. Abbandonata la vita religiosa, all'età di 16 anni fuggì in Ungheria, ma poi, ammalato ritornò in convento. A 30 anni ebbe il permesso di svestire l'abito talare e si dedicò completamente allo studio della letteratura tedesca. Nel 1787 compì un viaggio lungo il Reno e lasciò un'interessante descrizione geografica dei paesi visitati.

BERTOLACCI, Antonio - Viaggiatore italiano, originario della Corsica, vissuto fra la seconda metà del 1700 e la prima dell'800. Accompagnò il governatore inglese dell'isola di Ceylon e rimase nell'isola per alcuni anni. Visitò accuratamente la regione e pubblicò un volume, molto apprezzato dal pubblico inglese, con una carta dell'isola disegnata dal capitano Schneider.

BERTONIO, Luigi - Viaggiatore e missionario gesuita italiano, nato ad Arcevia (Ancona) nel 1555 e morto a Lima nel 1628. Nel 1575 entrò nella Compagnia di Gesù e dopo gli studi venne mandato nelle missioni del Perù. Fu il primo a studiare la lingua Aymara e ad illustrarla in varie opere.

BESANA, Enrico - Viaggiatore italiano, nato a Milano nel 1813, morto a Genova nel 1877. Studiò medicina a Pavia e poi combatté nelle Cinque Giornate di Milano, con Carlo Alberto nel 1849 e con Garibaldi nel 1859 e 1866. Dal 1868 cominciò a viaggiare e visitò la Russia Asiatica, la Cina, il Giappone, la California, il Canada, la Nuova Zelanda, ecc. ed inviò ai giornali dell'epoca lettere interessantissime ricche di acute osservazioni. Nel 1870 si trovava in India quando seppe della guerra franco-prussiana: ritornò subito a Londra e si recò a Parigi dove prestò la sua assistenza ai feriti. Nell'inverno del 1878 si apprestò a riprendere i suoi viaggi quando, attraversando la via Balbi a Genova, fu colpito da sincope e cadde morto.

BESCHI, Costanzio Giuseppe - Viaggiatore e missionario italiano, nato a Castiglione delle Stiviere l'8 novembre 1680, morto a Ambalacate (Ceylon) il 4 febbraio 1747 o, come alcuni vogliono, 1742. Entrato nella Compagnia di Gesù, venne inviato nelle missioni Orientali e in cinque anni di permanenza a Madura imparò alla perfezione la lingua sanscrita, telenga e tamil: quest'ultima era completamente ignota agli europei. Ne scrisse grammatiche, poemi e trattati religiosi.

BÉTHENCOURT, Jean de - Navigatore francese, nato a Caux, in Normandia, forse nel 1360, morto nel 1422 o, come altri vogliono, nel 1425. Dal 1402 al 1405 occupò le Isole Canarie, di cui si attribuiva la scoperta, e Enrico III di Castiglia lo nominò Signore delle isole. Lasciò poi il dominio a suo nipote e si ritirò in Normandia.

BEURMANN. Moritz von - Esploratore tedesco, nato a Potsdam il 28 luglio 1835, ucciso per ordine del sultano dell'Uadai nel febbraio del 1863. Nel 1861, dopo profondi studi di scienze naturali, fisiche e matematiche, si offrì per andare alla ricerca dell'esploratore Vogel di cui più nulla si era saputo. Si portò poi a Bengasi con l'intento di raggiungere l'Uadai per l'ancòra ignota via di Cufra, ma non potendo superare le enormi difficoltà presentatisi, batté la via del Fezzan e il 28 aprile raggiunse Murzuch. Tentò, quindi, di entrare nell'Uadai, ma venne assassinato.

BIANCHI, Gustavo - Esploratore italiano, nato a Ferrara il 24 agosto 1845, trucidato nella notte fra il 7 e l'8 ottobre 1883 in un luogo non bene identificato dell'Etiopia settentrionale. Prese parte, nel 1879, alla Spedizione commerciale in Etiopia diretta da Pellegrino Matteucci e si fermò per qualche tempo alla corte del Negus dove conobbe Monsignor Massaia. Penetrò quindi nel paese dei Galla per liberare Cecchi e si incontrò con lui il 13 aprile 1880. Nel 1883 partì nuovamente al fine di trovare una via attraverso la Dancalia, ma rimase vittima di un attacco da parte di armati etiopici. Con lui morirono Monari e Diana.

BILLE, Steen - Navigatore danese, nato nel 1797, morto nel 1882. Dal 1845 al 1847 comandò la nave oceanografica Galathea che compì un viaggio intorno al mondo a scopi scientifici. Fu più volte ministro della Marina e nel 1864 guidò una missione diplomatica in Cina.

BILLINGS, Iosif Iosifovich - Esploratore russo, di origine inglese, morto nel 1806. Nel 1780 entrò al servizio della Russia, dopo aver preso parte al terzo viaggio di James Cook. Nel 1785-93, col grado di capitano, comandò una spedizione navale russa che doveva esplorare le coste dalla foce del Kolima al mare di Bering e alle coste dell'America. Raccolse notevoli informazioni scientifiche sulla Siberia nord-orientale, le Aleutine e le coste dell'Alaska.

BINGER, Louis Gustave - Esploratore francese, nato a Strasburgo nel 1856, morto a Isle-Adam (Seine-et-Oise) il 10 novembre 1936. Dal 1887 al 1889 compì un ardito viaggio dal Sudan al Golfo di Guinea, lungo 400 Km, visitando regioni fino allora quasi ignote. In suo onore venne battezzata la cittadina di Bingerville.

BIRD, Edward Joseph - Esploratore inglese. Servì come ufficiale sulla Hecla (1821-23) e sulla Fury (1824-25) delle spedizioni guidate da Parry. Nel 1827 accompagnò ancora Parry. Fu poi trasferito sul Terror e prese parte alla spedizione antartica (1839-43) di James Clark Ross. Nel 1848-1849 comandò l'Investigator che insieme con l'Enterprise di J. C. Ross doveva ricercare Franklin.

BISCOE, John - Esploratore e baleniere inglese. Nel febbraio 1831 scopri una terra, lungo il circolo polare antartico, che chiamò Terra di Enderby. Un anno dopo scoprì numerose piccole isole lungo l'attuale Penisola di Graham.

BISHOP, Isabella - Viaggiatrice inglese, nata nel 1831, morta a Edimburgo nel 1904. Ebbe salute debole, ma fu sempre animata da grande volontà e sorretta da inesauribile spirito di carità. Fra il 1854 e il 1871 fu più volte nel Canada e negli Stati Uniti, nel 1872-73 in Australia, Nuova Zelanda, Hawaii, Montagne Rocciose, nel 1878-89 in Giappone, nell'isola Hokkaido, Malacca, Cairo e Sinai. Nel 1889 partì per l'India e viaggiò nel Kashmir, Baltistan e Ledak, Mesopotamia, Persia, Kurdistan. Andò poi in Corea dove esplorò il fiume Han; passò in séguito in Manciuria e risalì il Yang-tze-Kiang fino alla frontiera del Tibet. Nel 1900 fu in Marocco. Ha lasciato molti volumi nei quali ha descritto con competenza i suoi viaggi.

BITSCHURIN, Nikita Jakovslevič - (Monaco Jakinf). Viaggiatore e sinologo russo, nato il 29 agosto 1777, morto l'11 maggio 1853. Dal 1807 al 1823 guidò una missione religiosa russa a Pechino dove imparò il cinese e da dove partì per un lungo viaggio che gli permise di approfondire la conoscenza della cultura, della filosofia e dell'etnologia dei Cinesi. Lasciò numerosi lavori di grande pregio.

BLANCARD, Pierre - Navigatore francese, nato a Marsiglia e del quale non si hanno riferimenti biografici. Alla fine del 1700 si recò in India e lasciò un'importante relazione intitolata: Manuel du Commerce des Indes.

BLIGH, William - Navigatore inglese, nato a Tynten (Cornovaglia) nel 1753, morto a Londra nel 1817. Prese parte al secondo viaggio di James Cook e nel 1787 partì per Tahiti con la nave Bounty, ma sorpreso dai venti fu costretto a navigare a sud della Tasmania e della Nuova Zelanda facendo importanti osservazioni oceanografiche e meteorologiche. Dopo aver raggiunto Tahiti, nel viaggio di ritorno venne abbandonato dall'equipaggio ammutinatosi presso l'isola Tonfua (Tonga) in un'imbarcazione con 18 uomini. Nonostante fosse senza armi riuscì a visitare gli arcipelaghi occidentali dell'Oceania, riconobbe le Nuove Ebridi e passò lo Stretto di Torres raggiungendo Timor dopo un viaggio di circa 4000 miglia compiuto in 41 giorni. Nel 1789 visitò le Figi e, attratto dalla loro bellezza, fece ritorno in quei mari tre anni dopo scoprendovi trentanove fra isole e isolette di cui tracciò i rilievi. Durante un successivo viaggio alla volta di Tahiti rilevò le coste orientali della Tasmania, precedendo di pochissimo tempo il francese D'Entrecasteaux. Fu in séguito governatore della Nuova Galles e del Sud.

BLOSSEVILLE, Jules Alphonse René Poret, baron de - Navigatore francese, nato a Rouen nel 1802, morto fra i ghiacci artici nel 1833. Nel 1833 salpò dall'Islanda, dove si trovava per difendere i pescatori francesi di quell'isola, con la goletta La Lilloise col progetto di esplorare la costa est della Groenlandia. Il 27 luglio venne fermato dalla banchisa a circa 100 chilometri dalla costa, ma riuscì poi a rilevarla almeno in parte. Ritornò in Islanda da dove ripartì ai primi di agosto alla ricerca di un passaggio tra i ghiacci, ma d'allora più nulla si seppe di lui e nessuna traccia venne trovata dalla nave francese. La Recherche inviata l'anno successivo in suo soccorso.

BLUNT, Ann - Viaggiatrice e scrittrice inglese. Insieme col marito visitò l'Africa del Nord, l'Egitto, il Sinai, la Mesopotamia, la Siria e l'Arabia, lasciando ottime e suggestive relazioni dei luoghi e delle genti conosciute.

BLUNT, Wilfrid Scawen - Viaggiatore e scrittore inglese, nato a Petworth House il 17 agosto 1840, morto a Crabbet Park il 10 settembre 1922. Insieme con la moglie Ann viaggiò a lungo nel Nord-Africa, nell'Asia Minore e in Arabia, con scopi un po' scientifici un po' letterari.

BOCK, Karl Alfred - Viaggiatore norvegese, nato a Kristransand nel 1849. Nel 1879-80, per conto del governo inglese, percorse la parte meridionale ed orientale dell'isola di Borneo e pubblicò, fra l'altro, un interessante atlante le cui tavole vennero litografate a Londra dal Kall. Viaggiò poi a Sumatra, Siam, Laos facendo raccolte zoologiche ed etnografiche.

BOGGIANI, Guido - Esploratore italiano, nato a Omegna (Novara), nel 1861 ucciso dagli Indiani del Cacho Boreale nell'agosto o nel settembre del 1901. Il 27 novembre 1887 s'imbarcò per l'Argentina stabilendosi in séguito nell'Alto Paraguay. Compilò un prezioso dizionario della lingua Guanà e portò capitali ausili all'antropologia e all'etnografia del Paraguay. Dopo un breve riposo in Italia, il 1° luglio 1896 ripartì nuovamente per il Paraguay e raccolse vaste collezioni etnologiche che erano conservate nel Museo di Berlino. Mentre stava per dirigersi nuovamente verso l'Italia, ebbe notizia di una tribù indigena che da lungo tempo cercava e, sospesa la partenza, lasciò Asuncìon nell'agosto del 1901 seguìto da pochi uomini di scorta che poi, all'entrare nella foresta, vennero rimandati. Con Boggiani rimase solo un uomo fedele. Da quel giorno più nulla si seppe di lui. Il 20 ottobre 1902, il coraggioso spagnolo José Ferdinando Cancio ritrovò le ossa dell'infelice esploratore. Il cranio presentava una ferita d'arma bianca alla tempia sinistra e un tremendo colpo di clava infertogli dagli indigeni. Anche il suo compagno fu trovato morto.

BOLZANI, Urbano Valeriano - Viaggiatore italiano, nato a Belluno nel 1442, morto nel 1524. Dal 1473 al 1489 visitò la Tracia, la Grecia, la Siria, l'Arabia, la Palestina e l'Egitto. Dei suoi viaggi scrisse un'importante relazione che è andata perduta.

BOMBARD, Alain - Navigatore, medico e biologo francese, nato a Parigi il 27 ottobre 1924. Vivente. Nel 1952 attraversò l'Oceano Atlantico con la zattera pneumatica Hérétique, senza viveri né acqua, per dimostrare che un naufrago poteva sopravvivere. Da Montecarlo a Casablanca lo accompagnò l'inglese Jack Palmer. Il viaggio, felicemente compiuto, provò che per 113 giorni consecutivi un naufrago poteva vivere di acqua marina e di pesce crudo.

BONELLI, Emilio - Esploratore italiano, nato in Spagna da padre piemontese nel 1854, morto nel 1926. Dal 1871 al 1874, dopo aver compiuti gli studi a Torino, viaggiò nel Marocco e visitò tutto il litorale atlantico. Entrò poi nell'Accademia Militare di Madrid, uscendone sottotenente di fanteria. Nel 1882 per conto della Società Geografica di Madrid, esplorò le regioni interne del Marocco e, nel 1884, il Sahara e la Guinea occidentale. Compì un vasto lavoro topografico e idrografico e ritornò ancora, accompagnato dall'ardita figlia, nel Sahara che illustrò in un'opera assai vasta dello stesso titolo. Fu dapprima alto commissario, poi governatore generale della Guinea, fondò Villa Cisneros e fu insegnante di arabo nell'Università di Madrid.

BONELLI, Girolamo - Viaggiatore e missionario italiano. Soggiornò a lungo nel Giappone e lasciò buone osservazioni geografiche. Della sua vita nulla si conosce.

BONFANTI, Maurizio - Esploratore italiano vissuto nella seconda metà del 1800. Attraversò l'Africa partendo da Tripoli ed entrando nel Bornu dopo aver percorso il Sahara in 115 giorni. Si spinse fino al Lago Ciad dove si dedicò alla caccia degli elefanti, degli struzzi e degli ippopotami. Entrò poi nell'impero di Socoto e si diresse verso il Niger centrale. Visitò anche Timbuctù. Disegnò importanti carte che, in parte, andarono perdute.

BONPLAND, Aimé Jacques - Viaggiatore e botanico francese, nato a La Rochelle il 22 agosto 1773, morto a San Francisco de Borgia, provincia di Corrientes (Brasile) il 4 maggio 1858. In compagnia di Humboldt compì un viaggio di cinque anni nell'America centrale e meridionale, durante il quale scoprì molti generi e specie nuove che descrisse in opere famose. Dopo aver trascorso un periodo in Francia come sovrintendente del giardino della Malmaison, ritornò nell'America meridionale dove visse una vita errabonda e piena di avventure.

BONVALOT, Pierre-Gabriel-Édouard - Esploratore francese, nato a Épagne (Aube) il 14 luglio 1853, morto a Parigi il 9 dicembre 1933. Nel 1880 si recò in Siberia con G. Capus e si portò poi nel Turkestan da dove raggiunse la frontiera afgana, presso la quale scoprì le rovine della città di Shahri Samane. Nel 1885, con Capus e il pittore Pépin, viaggiò dal Caucaso all'India attraverso la Persia e il Pamir. Nel 1889-1890, col principe Henri d'Orléans, attraversò l'Asia da nord-ovest a sud est fino al Tonchino. Fu il primo europeo a visitare ampie regioni dell'Asia interna. Nel 1897 guidò una missione commerciale e industriale in Etiopia.

BONZI, Leonardo - Viaggiatore italiano, nato a Milano il 22 dicembre 1902, morto a San Michele di Ripalta Cremasca (Cremona) il 29 dicembre 1977. Nel 1933 guidò una spedizione sulla catena del Kuh I Dinar in Persia e ne scalò le cime più importanti. Nel 1934 fu in Groenlandia con una spedizione alpinistica ed esplorò un'ampia regione sconosciuta a sud dello Scoresby Sound e nello stesso anno scalò le cinque vette maggiori del medio Atlante. Nel 1935 compì la trasvolata del Sahara e nel 1937 fu nell'Afghanistan e nel Turkestan ove rilevò per primo il Lago Sciwa.

BORBONE, Sisto principe di - Viaggiatore svizzero, nato a Wartegg (Rorschach) il 1° agosto 1886, morto a Parigi il 14 marzo 1934. Nel 1929 compì un viaggio in Africa per sperimentare una nuova pista automobilistica che doveva congiungere l'Africa meridionale francese con quella equatoriale. Nel 1929-30 visitò il Beni Sciangul, una delle regioni meno note dell'Etiopia occidentale e nel 1932 compì un terzo viaggio attraverso il Sahara e il Sudan.

BORCHGREVINK, Carsten Egeberg - Esploratore norvegese, nato ad Oslo il 1° dicembre 1864, ivi morto il 23 aprile 1934. Nel 1894-95 si recò per la prima volta in Antartide e vi ritornò nel 1898-1900 con la nave Southern Cross, a capo di una spedizione scientifica. Il 17 marzo 1900 raggiunse 78°50' di lat. Sud, a 1147 chilometri dal Polo Sud e determinò, anche se approssimativamente, la posizione del polo sud magnetico a 73°20' di lat. e 156° di long. Est di Greenwich. Compì il primo svernamento nell'Antartide, a Capo Adare (Terra Victoria), durante il quale morì lo zoologo Nicolai Hanson, che è il primo uomo sepolto in Antartide. Vennero compiute importanti osservazioni meteorologiche, geologiche e magnetiche.

BORGHERO, Francesco - Viaggiatore e missionario italiano del secolo XIX. Non si hanno riferimenti biografici. Visse in Guinea tra il 1862 e il 1867 e lasciò un'ottima relazione che fu pubblicata in Francia.

BORGHESE, Principe Giovanni - Viaggiatore italiano, nato a Roma nel 1856, morto ivi il 15 aprile 1918. All'epoca del terzo viaggio di Pellegrino Matteucci aveva 24 anni e, non contento di aver concorso quasi per intero alle spese della spedizione, volle prendervi parte e accompagnò gli esploratori per un buon tratto. Giunto a Gneri nell'ottobre del 1880 fu colpito dalle febbri e ritornò in Italia. Fino a Khartoum lo accompagnò il fratello Camillo.

BOROUGH, Stephen - Navigatore inglese. Nell'aprile 1556 salpò per un viaggio di esplorazione lungo le coste russe ad oriente del Mar Bianco. Un mese dopo la partenza era a Capo Nord dove si incontrò con alcuni pescatori russi insieme coi quali navigò fino al fiume Cola. Nel luglio continuò il viaggio e si spinse fino all'isola di Vaigač dove incontrò i Samojedi. Dopo aver svernato a Cholmogory, nella Penisola di Cola, fece ritorno in patria.

BORRI, Cristoforo - Viaggiatore e missionario gesuita italiano, nato a Milano nel 1583, morto a Roma nel maggio del 1632. Studioso delle Matematiche, insegnò dal 1606 al 1609 nel Collegio gesuita di Mondovì, poi in quello di Brera, a Milano. Nell'aprile del 1615 partì da Lisbona per la Cocincina dove svolse opera missionaria. Uscì poi (o fu espulso) dalla Compagnia di Gesù.

BOTTA, Paolo Emilio - esploratore francese, nato a Torino nel 1802, morto a Achères-sous-Bois il 29 marzo 1870. Ancora studente in medicina si imbarcò sulla nave Les Heros che si apprestava a compiere un viaggio di circumnavigazione del globo. Nel 1829 ritornò e riportò molti ignoti esemplari botanici. Nel 1834 si recò in Egitto, dove era già stato, e di lì si portò in Arabia. Nel 1837 esplorò lo Yemen su cui pubblicò una fondamentale relazione.

BOTTEGO, Vittorio - Esploratore italiano, nato a S. Lazzaro Parmense l'11 agosto 1860, morto in combattimento a Fellem il 17 marzo 1897. Nel 1887 si recò in Africa come capitano d'artiglieria e per due anni prestò servizio nelle truppe indigene occupandosi della conoscenza dei popoli e dei loro costumi e della raccolta di collezioni naturalistiche. Nel 1891 con pochi servi compì il viaggio, mai fatto prima d'allora, da Massaua ad Assab. Rimpatriato, un anno dopo partì per una grande esplorazione sul Giuba e la compì felicemente attraversando territori completamente inesplorati. Gli era compagno nell'ardita impresa il capitano Matteo Grixoni. Il 3 luglio 1895 ripartì per la Somalia con lo scopo di risalire il corso dell'Omo ed esplorare la regione fra l'alto Giuba, il lago Rodolfo e il Sobat. Lo accompagnavano il tenente di vascello Lamberto Vannutelli, il dottor Maurizio Sacchi e il tenente Carlo Citerni. Durante questa spedizione, nella quale doveva trovare morte gloriosa, visitò Lugh dove fondò una Stazione commerciale affidandone il comando ad Ugo Ferrandi, seguì il corso dell'Ueb combattendo contro gli Arussi, visitò i Garra, i Bòran, gli Amarr Bambala e i Badditu. Scoprì, compiendone il circuito, il lago Regina Margherita, risolse il problema della confluenza dell'Omo e visitò i laghi Rodolfo e Stefania. Quaranta giorni prima della sua morte era stato assassinato il dottor Sacchi I suoi compagni superstiti vennero fatti prigionieri e trattati come schiavi. Malgrado le dolorose dispersioni, i risultati scientifici furono ingenti e le varie raccolte vennero elaborate e studiate da singoli specialisti. I resti di Bottego furono ritrovati e riportati in Italia da una spedizione guidata da Guelfo Civinini.

BOTURINI BENADUCCI, Lorenzo - Viaggiatore ed archeologo italiano, nato a Sondrio nel 1698, morto a Città del Messico nel 1749. Andò nel Messico per studiare l'antica civiltà messicana e fece lunghi viaggi durante i quali raccolse una grande quantità di notizie. Il governo, però, lo fece imprigionare e quando poté essere liberato e ottenere il permesso di ritornare ai suoi studi, lo colse la morte.

BOUGAINVILLE, Louis Antoine, barone di - Navigatore francese, nato a Parigi nel 1729, ivi morto nel 1811. Dopo aver studiato legge e scienze esatte si dedicò alla carriera delle armi e si coprì di gloria in Canada e sulle rive del Reno. Passato poi alla Marina e promosso capitano di vascello, ebbe l'incarico di fondare una colonia nelle isole Falkland, ma le rimostranze della Spagna mandarono a monte l'impresa. Il 14 novembre 1767 iniziò da Montevideo un viaggio di esplorazione scientifica nell'Oceano Pacifico con le due navi Boudeuse e Étoile. Fece importanti scoperte negli arcipelaghi della Samoa, Nuove Ebridi e Luisiade e i rilievi compiuti vennero poi provati esattissimi. Scoprì una delle Salomone che porta oggi il suo nome. Nel 1790 abbandonò la vita militare e si dedicò ai prediletti studi scientifici. Napoleone lo nominò conte.

BOUVET DE LOZIER, Jean Baptiste Charles - Navigatore francese, nato nei pressi di Saint-Malo nel 1705, morto nel 1786. Nel 1731 entrò al servizio della Compagnia delle Indie francese e nel 1738 ebbe il permesso di andare alla ricerca di una terra che si credeva esistesse a sud del capo di Buona Speranza. Partì da Lorient con due navi e, dopo aver toccato il Brasile, continuò la rotta a sud incontrando banchi di ghiaccio in mari completamente ignoti. Scoprì anche un'isola coperta di neve che venne ritrovata solo nel secolo scorso e che porta il suo nome.

BOVE, Giacomo - Esploratore italiano, nato a Maranzana d'Acqui (Alessandria) il 23 aprile 1852, uccisosi a Verona il 9 agosto 1887. Nel 1878, come rappresentante dell'Italia, prese parte alla spedizione polare della Vega al comando di Nordenskiöld e nel corso della navigazione compì il rilevamento dei paraggi di Port Dickson e quello del Taymir. Nel 1880 ritornò in Italia e pensò di organizzare una spedizione polare senza però trovare gli aiuti necessari. Nel 1881 il governo argentino gli affidò il comando del veliero Cabo de Hornos perché esplorasse l'Isola degli Stati e i canali Magdalena e Beagle. Lo accompagnavano gli italiani Lovisato (geologo), Spegazzini (botanico), Vinciguerra (zoologo), Roncagli (idrografo). Si recò poi nella regione di Missiones con lo scopo di studiare le condizioni per fondarvi una colonia. Ricevuto poi l'incarico del governo argentino partì nuovamente per la Terra del Fuoco dove raccolse importanti collezioni scientifiche. Ritornato in Italia fu dal Ministero degli Esteri inviato al Congo Belga e vi compì un viaggio molto importante. Durante questo soggiorno africano contrasse i germi di una grave malattia che lo spinse a togliersi tragicamente la vita.

BOWDICH, Thomas Edward - Viaggiatore inglese, nato a Bristol nel 1790, morto presso la foce del Gambia nel 1824. Nel 1815 fu incaricato di condurre in Guinea un'ambasciata inglese che doveva stabilire relazioni commerciali e raggiunse Coumassie, capitale degli Aschanti, portando a buon fine la missione affidatagli. Ritornò in patria e nel 1882 ripartì per l'Africa con la moglie. Raggiunse ed esplorò la foce del Gambia, ma fu ucciso dalle febbri.

BOYD, Louise Arner - Esploratrice americana, nata a San Rafael ( California ) il 16 settembre 1887, morta a San Francisco il 14 settembre 1972. Nel 1922 visitò le Svalbard come turista e dal 1926 iniziò le sue lunghe crociere artiche che dovevano renderla famosa. Nel 1926 noleggiò la baleniera norvegese Hobby e incrociò nelle acque della Terra Francesco Giuseppe. Nel 1928 si apprestava a un'altra esplorazione con la stessa nave, ma quando seppe della scomparsa di Amundsen offrì la nave ai gruppi di soccorso ed essa stessa percorse oltre 10.000 miglia nei mari di Barents e di Groenlandia e lungo le coste delle Svalbard e della Terra Francesco Giuseppe per cercare relitti. Nel 1931 attraversò il pack ad ovest di Jan Mayen e passò due mesi a bordo della baleniera Veslekari lungo i fiordi della Groenlandia orientale. Nel 1933, 1937 e 1938 visitò e studiò ancora la stessa costa e nel 1941, percorse le coste occidentali della Groenlandia a bordo del Morrisey col cap. Bob Bartlett. In ogni sua spedizione si faceva accompagnare da gruppi di scienziati ai quali fu sempre lieta di rendere omaggio.

BREHM, Alfred Edmund - Viaggiatore e naturalista tedesco, nato a Renthendorf il 2 febbraio 1829, ivi morto l'11 novembre 1884. Dopo la laurea in Scienze Naturali conseguita a Vienna, fece lunghi viaggi naturalistici in Egitto, Nubia, Sudan, Spagna, Norvegia, Svezia, Lapponia, Siberia e raccolse una grande quantità di osservazioni sulla vita degli animali che gli permisero poi di compilare la famosa opera che continua a dargli fama.

BRESSANI, Francesco - Esploratore e missionario italiano, nato a Roma nel 1612, morto a Firenze nel 1672. Apparteneva alla Compagnia di Gesù e con alcuni confratelli fu inviato ad evangelizzare il Canada. Esplorò la regione a nord del San Lorenzo. Preso prigioniero e torturato dagli Uroni, fu venduto agli Olandesi che lo liberarono. Scrisse un'importante Relazione che fu ristampata nel 1852 a cura del governo canadese.

BRIELLI, Domenico - Viaggiatore italiano, nato nel 1877, morto a Milano il 1° gennaio 1937. Viaggiò lungamente nell'Uollega fornendo notizie utili sull'orografia di quella regione poco conosciuta.

BRISSON, Pierre Raymonde de - Viaggiatore francese, nato a Missac nel 1745, morto nel 1820. Fu dapprima impiegato nella Marina francese del Senegal, ma nel 1785 fece naufragio presso il Capo Bianco e, caduto nelle mani degli indigeni, riuscì a rientrare nel Marocco dopo aver preso importanti note etnografiche e geografiche.

BROCCHI, Giovanni Battista - Viaggiatore italiano, nato a Imola e di cui non si conoscono riferimenti cronologici sulla nascita e sulla morte. Nel 1482 accompagnò una missione religiosa che si recava dal re d'Etiopia con lo scopo di convincerlo ad abbracciare la religione cristiana. Fallita la missione il Brocchi fu rimandato al Superiore del Convento Francescano del Monte Sion per chiedere istruzioni. Rifece così il cammino dall'Etiopia a Gerusalemme e dettò al frate Francesco Suriano le sue impressioni di viaggio; impressioni che ancor oggi meravigliano per la loro esattezza. Ritornò quindi alla corte del Negus, ma più nulla si seppe di lui.

BROCCHI, Giovanni Battista - Viaggiatore e botanico italiano, nato a Bassano (Vicenza) il 18 febbraio 1772, morto a Khartoum il 23 settembre 1826. Nel 1822 si recò in Egitto, chiamatovi dal viceré Mohammed Alì , come mineralogista esperto nel riconoscimento dei minerali idonei per uno sfruttamento industriale. Fu un uomo molto versatile e si occupò di botanica, letteratura, archeologia ed arte. Compì molti viaggi in Egitto e nella Nubia. Il ricchissimo erbario da lui raccolto nel corso di questi viaggi è conservato nel Museo Civico di Bassano.

BRØNLUND, Jørgen - Esploratore eschimese, nato a Godthåb (Groenlandia occidentale) nel 1887, morto nel 1907. Prese parte alla spedizione della Danmark comandata da M. Erichsen (1906-1908) e redasse un accurato diario in eschimese. Visse una terribile tragedia coi due compagni Hagen e Erichsen che morirono di stenti, mentre Brønlund riuscì a trascinarsi fino a un deposito di viveri e a ritornare presso i compagni nel tentativo di salvarli. Li trovò morti e allora pensò di salvare le carte e gli appunti. Sepolti i compagni, ritornò verso la base principale, nella Terra di Lambert, da solo nella notte polare. Si accomodò in una grotta, con la carabina carica, abbracciando la preziosa cassetta contenente i documenti e il suo diario e attese la morte. Così lo scoprì la spedizione di soccorso guidata da J. P. Kock.

BROWNE, William George - Esploratore inglese, nato a Londra il 25 luglio 1768, morto nel 1813. Nel 1792 visitò l'Oasi di Siva che nessun europeo aveva raggiunto dopo l'epoca di Alessandro Magno. L'anno dopo penetrò nel Sudan ed esplorò per primo il Darfur, arrivando ad Asiut. Trattenuto per tre anni nel Darfur in una larvata prigionia, soffrì enormemente. Dal 1800 al 1803 visitò la Grecia, l'Asia Minore e la Sicilia e nel 1812-1813 ritornò in Asia Minore e il 1° giugno 1813 giunse a Tabriz.

BRUCE, James - Viaggiatore ed esploratore scozzese, nato a Kinnaird House nello Stirlingshire (Scozia) il 14 dicembre 1730, morto a Edimburgo il 27 aprile 1794. Si rese famoso per un viaggio lungo il Nilo compiuto allo scopo di risolvere il problema delle sue sorgenti. Partì il 12 dicembre 1768 e raggiunse la sorgente del Nilo Azzurro il 4 novembre 1770. Ma sembra che l'onore della scoperta di queste sorgenti spetti a Giovanni Gabriel, figlio di un'etiope e di un europeo, vissuto intorno al 1554.

BRUCE, William Speirs - Esploratore polare ed oceanografo scozzese, nato a Londra il 1° agosto 1867, morto a Edimburgo il 28 ottobre 1921. Dopo aver compiuto un viaggio nelle Svalbard e aver visitato nel 1892 il Mare di Weddell imbarcato come naturalista a bordo di una baleniera, nel 1902-1904 comandò la spedizione antartica nazionale scozzese imbarcata sulla nave Scotia. La spedizione, nel gennaio del 1903, entrò nel Mare di Weddell e il 22 febbraio raggiunse la lat. di 70° 25' S dove venne fermata dal pack compatto. Ritornò nelle Orcadi Australi dove fu eretta una stazione scientifica permanente affidata alla direzione del meteorologo R. C. Mossman, ma la nave rimase stretta tra i ghiacci per nove mesi e soltanto nel novembre poté ritornare a Buenos Aires per rifornirsi di viveri e di materiali. A metà febbraio del 1904 la spedizione ritornò in Antartide e rientrò nel mare di Weddell dove, il 12 marzo, venne fermata da un'alta barriera di ghiaccio e obbligata al ritorno. Osservazioni oceanografiche indicarono la sicura presenza di una terra che Bruce battezzò Costa di Coats, dal nome di chi lo aveva aiutato nel finanziamento della spedizione. Dal 1906 al 1920 visitò più volte le Svalbard.

BRUGIOTTI, Giacinto - Viaggiatore e missionario italiano, nato a Vetralla il 23 gennaio 1601, morto a Roma il 24 agosto 1659. All'età di 24 anni vestì l'abito dei Cappuccini e nel 1651 fu nominato, dalla Congregazione di Propaganda Fide, Prefetto al Congo. Nell'ampia, inesplorata regione fu anche l'indagatore acuto e profondo degli usi, costumi e della lingua degli indigeni.

BRULÉ, Etienne - Viaggiatore francese, nato a Champigny-sur-Marne verso il 1591, morto nella Nuova Francia nel 1663. Accompagnò Champlain a Quebec, esplorò la regione circostante e raggiunse la baia di Chesapeake dove rimase dal 1610 al 1628. Fu ucciso dagli Uroni.

BRUN-ROLLET, Antoine - Viaggiatore francese, nato a S. Giovanni di Moriana (Savoia) nel 1810, morto a Cartum il 27 dicembre 1857. Risalì più volte il Nilo Bianco e si spinse per primo fino a quattro gradi di latitudine N.

BRUSILOV, Georgij Lvovič - Esploratore russo, nato nel 1884, morto nel 1914. Nel 1912 organizzò con mezzi privati la spedizione della goletta S. Anna con lo scopo di passare dall'Oceano Atlantico a quello pacifico seguendo la via del Nord-Est. La spedizione non raggiunse il suo scopo. La goletta fu bloccata dai ghiacci e navigò alla deriva a nord della Terra di Francesco Giuseppe, scomparendo senza lasciare tracce.

BRUUN, Daniel - Esploratore danese, nato nel 1856, morto nel 1931. Nel 1893 e nel 1911 esplorò regioni poco note della Tunisia. Si dedicò poi ai rilievi topografici dell'Islanda e delle Färoër.

BUCH, Leopold von - Viaggiatore e geologo tedesco, nato a Stolpe (Pomerania) nel 1774, morto a Berlino nel 1853. Dopo aver visitato la Boemia, la Turingia, la Slesia, l'Italia e la Francia, nel 1806-1808 condusse esplorazioni geologiche in Lapponia e in Scandinavia e nel 1815 si recò nelle Canarie, sempre con lo stesso scopo.

BUCHAN, David - Navigatore ed esploratore inglese, nato nel 1780, morto forse nel 1839. Compì vari viaggi alla scoperta dei Passaggi del Nord-Est e del Nord-Ovest, ma non diede alcun decisivo apporto alla risoluzione di quei problemi geografici. Scomparve durante una spedizione nei mari artici e l'Ammiragliato inglese lo cancellò dall'elenco dei capitani viventi nel 1839.

BUHL, Hermann - Alpinista austriaco, nato a Innsbruck nel 1924, morto il 25 giugno 1957 durante la scalata della Chogolisa. Dopo aver vinto molte vette alpine, nel 1952 scalò il Nanga Parbat.

BURCKARDT, Johann Ludwig - Viaggiatore ed orientalista svizzero, nato a Losanna il 24 novembre 1784, morto al Cairo il 17 ottobre 1817. Nel 1809 su invito dell'African Association inglese, partì per un viaggio nel Medio Oriente. A Malta pensò che per aver più facilità di movimento, sarebbe stato bene farsi credere un mercante arabo. Studiò le lingue, gli usi e i costumi degli Arabi e fu tanto abile che nessuno mai sospettò di lui. Prese il nome di Ibrahim ibn Abdallah. Passò due anni e mezzo in Siria, quasi sempre ad Aleppo e visitò anche la Palestina. Il 4 settembre 1812 si stabilì in Egitto dove rimase stabilmente fino alla morte. Se ne allontanò solo per lunghi viaggi nel Sudan e in Arabia (nel 1815, primo degli europei, giunse alla Mecca). Il 22 marzo 1813 scoprì i templi di Abu Simbel presso la seconda cateratta del Nilo. Si stabilì poi al Cairo per coordinare e pubblicare le sue note, ma la morte lo colse e i suoi diari furono pubblicati tra il 1819 e il 1831 da W. Onseley e Leake.

BURKE, Robert O'Hara - Esploratore irlandese, nato a St. Cleram nel 1820, morto nell'interno dell'Australia il 28 giugno 1861. Partito da Victoria a capo di una grande spedizione australiana, riuscì ad attraversare l'Australia e a giungere nel Golfo di Carpentaria. Smarrita la via del ritorno, la spedizione fu decimata. Con Burke rimase il solo fedele servo King che una spedizione di soccorso ritrovò ancora vivo presso una tribù indigena, recuperando così i diari dell'esploratore.

BURMEISTER, Hermann - Esploratore e zoologo tedesco, nato a Stralsund il 15 gennaio 1807, morto a Buenos Aires il 2 maggio 1892. Nel 1850 fece un viaggio in Brasile; nel 1856 esplorò l'Uruguay e l'Argentina settentrionale e nel 1859 valicò le Ande. Pubblicò molti lavori di entomologia, di osteologia e di paleontologia.

BURNES, Sir Alexander - Esploratore inglese, nato a Montrose (Scozia) il 16 maggio 1805, ucciso a Kabul il 2 novembre 1841. Ufficiale nell'Esercito del Bengala, ebbe molti incarichi politici e scientifici, fra cui la costruzione delle carte dell'Afghanistan e dell'Asia centrale e l'esplorazione di un tratto del corso dell'Indo. Dai suoi viaggi riportò anche importanti notizie geografiche ed economiche.

BURTON, Sir Richard Francis - Viaggiatore inglese, nato a Barhan House il 19 marzo 1821, morto a Trieste, dove si trovava come console, il 20 ottobre 1890. Conosceva perfettamente l'arabo, l'indostano e il persiano e, travestitosi da pellegrino, col nome di Mirza Abdullah, esplorò l'Arabia. Nel 1857 fu con Speke alla ricerca delle sorgenti del Nilo e collaborò validamente con lui all'illustrazione del problema niliaco. Dopo aver viaggiato nell'Africa occidentale e nel Sud America, visitò la Siria, l'Islanda, l'Italia e l'India. Nel 1877 divenne cercatore d'oro in Arabia e nel 1881 si trasferì nella Costa d'Oro. Parlava 35 lingue.

BURY, George Wyman - Esploratore inglese che visse lungamente nello Yemen. Portò notevoli contributi alla topografia e alla conoscenza delle condizioni economiche del paese. Nel 1911 da Shuqrah (costa meridionale) si spinse per 180 chilometri nell'interno fino a Beihan e l'anno dopo viaggiò da Hodeida a Sana.

BUSCHAN, Georg - Viaggiatore ed etnologo tedesco, nato a Francoforte sull'Oder il 14 aprile 1863, morto a Stettino il 6 novembre 1942. Come ufficiale medico della Marina viaggiò lungamente e nel 1902 iniziò una serie di spedizioni nel Camerun e nell'Asia orientale con lo scopo principale di studiare le popolazioni indigene.

BUTAKOV, Alexei Ivanovic - Viaggiatore e geografo russo, nato a Kronstadt il 7 febbraio 1816, morto a Schwalbach, presso Welzlar, il 28 giugno 1869. Come ufficiale di Marina nel 1840-1842 fece il giro del modo con la nave Abo. Studiò le acque di molti mari ed esplorò le coste del Brasile. Nel 1850 studiò il lago d'Aral e ne disegnò un'ottima carta.

BUTTON, Sir Thomas - Esploratore inglese nato a Glamorganshire, morto nell'aprile del 1634. Ai tempi della regina Elisabetta servì nella Marina Reale e nel 1612 guidò una spedizione, composta dalle navi Resolution da lui comandata e Discovery, la vecchia nave di Hudson, comandata dal cap. John Ingram, con l'incarico di scoprire il passaggio di NW. La spedizione partì da Gravesend il 15 aprile del 1612 (o in una data prossima a questa). Passato lo stretto di Hudson, attraversata la baia, prese terra in un punto stimato a 60° 41' N, cioè poco più a Nord di Churchill. Button ordinò allora il ritorno e le navi, il 15 agosto, giunsero alla foce di un fiume che fu chiamato Nelson, dal nome del pilota, Francis(?) Nelson. Morti molti uomini e abbandonata la Resolution, Button continuò la ricerca del Passaggio e giunse al 65° di lat. N. Nel settembre del 1613 fece ritorno a Londra.

BYLOT, Robert - Esploratore inglese che già aveva accompagnato Hudson, Button e Gibbons nei loro viaggi artici. Il 16 aprile 1615 partì dalla foce del Tamigi con la nave Discovery e con la William Baffin per secondo. Lo scopo della spedizione era di trovare il Passaggio del Nord Ovest, ma non poté far altro che compiere osservazioni scientifiche e scoprire alcune isole artiche. Nel 1616 compì un secondo viaggio con lo stesso scopo, ma senza successo.

BYRD, Richard Evelyn - Esploratore americano, nato a Winchester (Virginia) il 25 ottobre 1888, morto a Boston l'11 febbraio 1957. Iniziò la sua carriera di esploratore polare nel 1925 partecipando alla spedizione artica di Mcmillan e il 9 maggio 1926, partendo dalla Baia del Re (Svalbard) tentò di raggiungere il Polo Nord con un aereo. Affermò di aver raggiunto la meta, ma oggi si è certi che ritornò alla base prima di aver sorvolato il Polo. Il 29-30 maggio dello stesso anno compì la trasvolata dell'Oceano Atlantico da New York alla Manica. Nel 1928 organizzò la sua prima spedizione antartica, ponendo la sua base, che chiamò Piccola America, sulla Grande Barriera presso la Baia delle Balene. Il 28 novembre 1929 riuscì a sorvolare il Polo Sud. Nel 1933 partì nuovamente per le regioni antartiche con una spedizione attrezzatissima della quale facevano parte tecnici e scienziati. Nel corso di questa spedizione durata circa tre anni, si isolò in una stazione meteorologica a 80° di latitudine sud riportandone notevolissimi risultati scientifici. Nel novembre del 1939 organizzò un'altra spedizione antartica durante la quale poté eseguire il rilievo fotogrammetrico di ampie zone fino allora ignote. Nel 1946-47 guidò un'altra spedizione nell'Antartide composta di alcune migliaia di uomini e numerosi mezzi navali ed aerei. Tale spedizione operò in tre gruppi: centrale, orientale e occidentale e vennero esplorati nuovi tratti di costa, scoperte baie, promontori, penisole ed esplorati migliaia di chilometri quadrati di altopiano fino allora sconosciuti. Nel 1955-56 organizzò una quinta spedizione antartica denominata "Operazione Gelo Intenso", ma non vi prese parte attiva.

BYRON, John - Navigatore inglese, nonno del poeta Giorgio Byron, nato a Newsteand-Abbey l'8 novembre 1723, morto a Londra il 10 aprile 1786. Nel 1741, durante il viaggio di circumnavigazione di lord George Anson naufragò sulle coste occidentali della Patagonia e rimase prigioniero degli indigeni per tre anni. Dal 1746 al 1766 esplorò le coste della Patagonia, la Terra del Fuoco, le Isole Falfkland e lo Stretto di Magellano. Ebbe in séguito alti incarichi nella Marina e fece il giro del mondo.