Indice "A"

 

 

 

 

 

Home Su Indice "A" Indice "B" Indice "C"

 

 

  

"UOMINI VERSO L'IGNOTO"
 

DI SILVIO ZAVATTI

 

                      

 

ABBADIE, Antoine d'

ABBATE, Onofrio

ABBONA, Paolo

ABD Al-Latif

ABDUL, Kerim

ABICH, Wilhelm Hermann

ABU HAMID al-Gharnati

ACERBI, Giuseppe

ACOSTA, Cristoforo

ACQUAVIVA, Rodolfo

ACUÑA, Cristobal de

ADAMOLI, Giulio

ADAMS, William

ADORNO, Girolamo

AHLMANN, Hans Wilhelmson

AIMARD, Gustave

AINSWORTH, William Francis

AJMONE CAT, Giovanni

ALAMINOS, Antón de

ALARCÓN, Hernando de

ALBANEL, Charles

ALBERTINI, Gianni

AL BIRUNI, Abu'r Raihan Muhammad ibn Ahmad

AL-ISTAKHRI, Abu Ishaq

Ibrahim Ibn Muhammad Al Farisi

ALLEN, Henry

ALMEIDA, Laurenào de

ALMEIDA, Manuel de

AL - MUQÀDDASI

ALPINO, Prospero

ALVARADO, Pedro de

ALVAREZ, Francisco

AMDRUP, Georg Carl .

AMUNDSEN, Roald Engelbert

ANACARSI

ANDERSON, James

ANDERSON, William Robert

ANDERSSON, Carl John

ANDERSSON, Gunnar Johan

ANDRADE, Antonio de

ANDRE', Louis

ANDRÉE, Salomon August

ANDREWS, Roy Chapman

ANDROSTENE, di Taso -

ANNONE - Si veda: HANNO.

ANSHU, Piotr Fiodorovic

ANSON, George

ANTINORI, Orazio

ANTOGNOLI, Adolfo

ANTONELLI, Pietro

APPUN, Karl Ferdinand

ARCTOWSKI, Henryk

ARIOSTO, Alessandro

ARMINJON, Vittorio

ARMITAGE, Albert Borlase

ARSENJEV, Vladimir Klavdijevic

ASCELINO, Nicolò

ASCOLI, Costantino d'

ATLASSOV, Vladimir Vassiljevic

AUSTIN, Sir Horatio Thomas

AVÉ-LALLEMANT

AZARA, Felix de

AZEVEDO, Francisco de

 

 

SCHEDE BIOGRAFICHE

Pagina in costruzione

 

ABBADIE, Antoine d'- Esploratore francese, nato il 3 gennaio 1810 a Dublino, temporanea residenza dei genitori, morto a Parigi il 19 marzo 1897. Dopo aver studiato a Tolosa e a Parigi si recò in Brasile per compiere studi sul magnetismo terrestre. Nel 1837, unitosi al fratello Arnaud (nato a Dublino nel 1815, morto nel 1893) e all'italiano Sapeto, si spinse fino a Gondar. Di qui Antoine rientrò in Francia per provvedere gli strumenti scientifici che gli servivano per cartografare le regioni visitate dell'Etiopia e Arnaud si inoltrò, primo degli europei, fino al paese dei Galla e nella regione dell'Abai. Nel 1840 Antoine ripartì per l'Etiopia e, nominato Ras, iniziò il suo grande lavoro geodetico che lo portò alla costruzione della carta dell'Etiopia. Studiò anche i costumi e le lingue di quelle popolazioni, si spinse fino al Caffa ed esplorò il corso superiore dell'Omo. Nel 1848 i due fratelli lasciarono l'Etiopia e si accinsero a pubblicare i risultati delle loro spedizioni. Alla sua morte Antoine lasciò all'Accademia delle Scienze di Parigi poderi e rendite perché, nello spazio di cinquant'anni, fosse completato un catalogo di 500.000 stelle. Si deve a lui l'iniziativa presso il papa per l'istituzione del Vicariato apostolico dei Galla che venne fondato nel 1846 ad opera di mons. Massaia.

ABBATE, Onofrio - Medico e viaggiatore italiano, nato a Palermo nel 1824, morto al Cairo nel 1915. Nel 1845 si stabilì in Egitto e prese parte alla guerra di Crimea come medico-capo della flotta egiziana. Nel 1856 compì un viaggio nel Sudan al seguito di Mohamed Said e ne scrisse una relazione molto interessante.

ABBONA, Paolo - Viaggiatore e missionario italiano, dell'ordine degli Oblati, nato a Monchiero (Cuneo) nel 1807, morto a Boves il 13 febbraio 1847. Nel 1839 partì per la missione di Ava e Pegú (Birmania). Viaggiò in lungo e in largo per il Paese e fu pro-vicario a Mandalay dove divenne amico e consigliere del re Moung-lon, tanto che Cristoforo Negri cercò di persuadere Cavour a servirsi di lui come intermediario per stringere utili relazioni con quello stato asiatico.

ABD, Al-Latif - Viaggiatore e geografo arabo, nato a Baghdàd nel 1161, ivi morto nel 1231. Visitò Mossul, Damasco, Gerusalemme: fu in Egitto e in Siria e descrisse tutto quanto aveva visto e notato in una relazione di cui ci rimane soltanto un compendio.

ABDUL, Kerim - Viaggiatore persiano, nato a Mesced. Nel 1865-1866 fu con Giacomo Doria nell'isola di Borneo e nel 1847 compì un'esplorazione zoologica nella Reggenza di Tunisi riportandone molto materiale. Nel 1890 fu con Elio Modigliani a Sumatra.

ABICH, Wilhelm Hermann - Esploratore e geologo tedesco, nato a Berlino l'11 dicembre 1805, morto a Graz il 2 luglio 1886. Dal 1850 al 1880 compì lunghi viaggi nell'America e soprattutto nel Caucaso che esplorò attentamente dal punto di vista geologico. Si interessò particolarmente di vulcanesimo.

ABU HAMID al-Gharnati - Viaggiatore arabo, nato a Granada nel 1080, morto a Damasco nel 1170. Trasferitosi a Baghdàd, nel 1130 iniziò un grande viaggio che lo portò dal Caspio alla Russia meridionale, per risalire poi verso la Siberia dove acquisì una buona conoscenza delle genti finniche e samoiediche. Nel 1150 visitò altre regioni della Russia e l'Ungheria: annotò tutto e non perdette occasione per istruire le genti alla religione islamica. Scrisse un'opera importantissima: Al Murib an bad agiaib al-Maghrib (Mirabilia dell'Occidente).

ACERBI, Giuseppe - Viaggiatore italiano, nato a Castel Goffredo (Mantova) nel 1773, morto nel 1846. Nel 1798-1799 viaggiò in Scandinavia e in Lapponia. Fu poi console austriaco in Egitto e dal 1825 al 1834 vi compì molti viaggi interessandosi soprattutto ai reperti archeologici. Fu una figura molto discussa, sia dal punto di vista umano che da quello scientifico.

ACOSTA, Cristoforo - Viaggiatore e medico portoghese, nato nel Monzambico nel 1515, morto a Burgos nel 1580. Viaggiò lungamente in India a scopi naturalistici e lasciò una bella relazione sulle droghe e le medicine dell'India orientale che fu pubblicata a Burgos nel 1678.

ACQUAVIVA, Rodolfo - Viaggiatore italiano, nato il 2 ottobre 1550 ad Atri (Abruzzo) da famiglia patrizia, martirizzato il 15 luglio 1583, insieme ad altri quattro compagni, nella penisola di Salsette (Goa). Venne beatificato da Leone XIII il 2 aprile 1893. Entrò nella Compagnia di Gesù nel 1568 e 10 anni dopo venne ordinato sacerdote. Conoscendo bene le lingue orientali fece parte delle Missioni e fu inviato a Goa. Di lì partì il 16 novembre 1579 per andare dal re del Mogol in Fatipur dove giunse il 27 febbraio 1580. Durante il suo soggiorno in quelle regioni scrisse molte lettere ai suoi superiori, dando pregevoli ragguagli sui costumi degli abitanti, sui prodotti e sui commerci.

ACUÑA, Cristobal de - Viaggiatore e missionario spagnolo, nato a Burgos nel 1597, morto a Lima nel 1675. Visitò, per ragioni del suo ministero, il Cile e il Perú lasciando un'accurata descrizione di questi due paesi. Nel 1639-1640, insieme con Pietro di Texeira, esplorò il Rio delle Amazzoni fino al Parà.

ADAMOLI, Giulio - Viaggiatore italiano, nato a Besozzo (Varese) il 29 febbraio 1840, morto al Cairo il 25 dicembre 1926. Abbracciò la carriera delle armi, ma nel 1860, scontento della vita di caserma, si dimise e partì per la Sicilia con la spedizione Agnetta. A Palermo fu promosso luogotenente nella Brigata Türr. Finita l'impresa dei Mille, si dedicò alla sua professione di ingegnere. Fu con Garibaldi ad Aspromonte e poi prese parte alla guerra del 1866 distinguendosi per il suo valore. Nel 1869-1870 viaggiò nel Turkestan per studiare i vari sistemi di allevamento dei bachi da seta e successivamente si aggregò a una spedizione militare che i Russi conducevano contro il Khan di Sciariscials. Nel 1876 visitò, sotto gli auspici della Società Geografica Italiana, il Marocco e difese l'opportunità che l'Italia rivolgesse la sua attenzione verso quella regione.

ADAMS, William - Navigatore inglese di cui si hanno poche e incerte notizie. Nacque a Gillingham, nel Kent, e morì a Hirado (Giappone) nel 1620. Era un buon cartografo educato a Cambridge. Sembra che abbia accompagnato Cornelio Rijp nel suo viaggio fino all'Arcipelago delle Svalbard e che poi, servendo come pilota nella flotta olandese, abbia fatto naufragio e sia giunto sulle coste del Giappone. Sposò una donna del posto e non fece più ritorno in Inghilterra. Sembra che fosse anche un buon cosmografo e matematico. Di lui si hanno soltanto alcune lettere molto curiose.

ADORNO, Girolamo - Viaggiatore e mercante italiano, nato a Genova, morto in India il 27 dicembre 1496. Si recò in India, con Gerolamo di Santo Stefano, passando per Cariz, Cosir, Aden, Kalì, Kodu, Ceylon e costa del Coromandel. La sua relazione, pur essendo succinta, è pregevole e dimostra come, antecedentemente alla scoperta fatta dai portoghesi per via di mare, nell'India vi fossero già molti italiani.

AHLMANN, Hans Wilhelmson - Geografo e glaciologo svedese, nato a Karlsberg il 14 novembre 1889, morto a Stoccolma il 10 marzo 1974. Tutta la sua vita fu caratterizzata da un'intensa attività. Dette molti contributi alla conoscenza della terra di Nord-Est (Svalbard) che percorse nei periodi dell'estate artica dal 1931 al 1934 con spedizioni imbarcate sulla Quest; dell'Islanda dove dal 1936 al 1938 studiò il Ghiacciaio Vatnajökull e della Groenlandia occidentale dove si recò nel 1939 e nel 1940. Fu uno dei più entusiasti fautori dell'Anno Geofisico Internazionale e non si risparmiò nell'organizzazione della spedizione antartica norvegese-inglese-svedese che operò (1949-1952) nella terra della Regina Maud. Va ricordato che fu Ahlmann a guidare la spedizione che nel 1930 recuperò i resti di A.S. Andrée e dei suoi compagni. Studiò ampiamente anche i ghiacciai della Scandinavia e la geografia fisica dell'Italia e della Libia.

AIMARD, Gustave - Viaggiatore francese, nato a Parigi nel 1818, morto nel 1885. Viaggiò lungamente in Asia, in Europa e fra gli Indios dell'America meridionale, principalmente a scopi etnologici.

AINSWORTH, William Francis - Viaggiatore e geologo inglese, nato a Exeter nel 1807, morto il 27 novembre 1896. Laureatosi in medicina, viaggiò in Francia e compì ricerche geologiche nei monti dell'Auvergne e nei Pirenei. Nel 1835 fece parte, come medico e geologo, della spedizione Chesney all'Eufrate e ritornò in patria nel 1837 attraverso il Kurdistan, il Tauro e l'Asia Minore. Dal 1838 al 1841 fu ancora nel Kurdistan per esplorare il corso dell'Halys.

AJMONE CAT, Giovanni - Navigatore italiano, nato a Roma il 5 marzo 1934. Vivente. Nel 1970-1971 e nel 1973-1974 ha compiuto due viaggi nella Penisola Antartica con una corallina di 25 t di stazza, la San Giuseppe Due, lunga 16 m f.t. Ha fatto interessanti osservazioni scientifiche sull'isola Deception che ha visitato durante e dopo un'eruzione vulcanica.

ALAMINOS, Antón de - Navigatore spagnolo di cui si hanno poche notizie. Nacque a Polos. Prese parte al secondo viaggio di Colombo (1493) e nel 1512 fu pilota della spedizione J. Ponce de León che scoprì la Florida. Nel 1519 fu con Cortés che lo inviò in Spagna: in questo viaggio, secondo quanto vuole la tradizione, sfruttò per primo la Corrente del Golfo.

ALARCÓN, Hernando de - Navigatore spagnolo, nato a Trujillo nel 1500. Nel 1540 guidò una spedizione che doveva esplorare le coste del Messico verso il Golfo di California. Riconobbe la foce del Rio Colorado e schizzò per primo la regione dimostrando che la California era una penisola e non un'isola come si credeva.

ALBANEL, Charles - Esploratore missionario francese, nato in Auvergne nel 1616 (o 1613), morto in Canada l'11 gennaio 1696. Apparteneva alla Compagnia di Gesù e nel 1649 venne inviato a Montreal. Nell'inverno del 1650-1651 visse sei mesi presso gli Indiani Montagnesi e nel 1671-1672 fece un viaggio alla baia di Hudson del quale ha lasciato un diario molto particolareggiato e molto importante. Partì da Quebec il 6 agosto 1671 e due giorni dopo fu a Tadoussac dove ottenne alcune guide montagnesi. Scendendo i corsi d'acqua con le canoe, il 18 giugno 1672 entrò nel lago Mistassini, secondo europeo a giungervi. Nel 1673-1674 fu nuovamente inviato al Nord per catechizzare gli indigeni. Nulla si sa di questo secondo viaggio, se non che raggiunse la baia di James.

ALBERTINI, Gianni - Viaggiatore italiano, nato a Milano il 26 novembre 1902, ivi morto il 21 gennaio 1978. Dopo aver compiuto alcune difficili scalate nelle Alpi centrali e occidentali, nel 1928 prese parte alle ricerche della spedizione artica di Nobile. Nel 1929 organizzò e guidò una seconda spedizione polare con lo scopo di trovare i resti del dirigibile Italia e dei suoi naufraghi e compì rischiose esplorazioni nelle Svalbard e nella Novaja Zemlja. Lungo la costa settentrionale della Terra di Nord-Est (Svalbard) scoprì una baia che porta oggi il suo nome. Progettò e fondò il centro turistico di Cervinia (Aosta).

AL BIRUNI, Abu'r Raihan Muhammad ibn Ahmad - Viaggiatore arabo, nato a Khuwarizm (regione meridionale del lago d'Aral) nel 973, morto a Ghazna (Afghanistan occidentale) nel 1048. Nel 1027 si recò in India col sultano Mahmud di Ghasni e lasciò una descrizione sufficientemente esatta di quelle regioni. Notizie più importanti lasciò sul Turkestan orientale, sul Nepal e su Tibet.

AL-ISTAKHRI, Abu Ishaq Ibrahim Ibn Muhammad Al Farisi - Viaggiatore arabo del X secolo, nato forse a Istakhr (Persia sud-orientale). Visitò la Spagna, la Cina, il Madagascar. Lasciò un'opera intitolata Kitàb al-masalik wa 'l-mamalik (Libro delle vie e dei reami) che fu pubblicata per la prima volta a Leida nel 1870. In essa si leggono buone descrizioni geografiche dei paesi visitati.

ALLEN, Henry - Esploratore statunitense, nato a Sharpsburg (Kentuchy) il 13 aprile 1859, morto nel 1929. Nel 1885 fu inviato in Alaska al comando di una piccola guarnigione militare. Accompagnato da poche persone esplorò un vasto territorio compreso tra il Golfo d'Alaska e il fiume Tanana e fu il primo ad attraversare la Catena Alaskana. Cartografò per la prima volta i bacini di tre grandi fiumi ed esplorò il Lago Suslota.

ALMEIDA, Laurenào de - Navigatore portoghese, figlio di don Francesco de Almeida, compagno di Vasco de Gama e primo Vicerè delle Indie. Scoprì le isole Maldive e il Madagascar, ma intorno alla sua attività non si hanno altre notizie sicure.

ALMEIDA, Manuel de - Viaggiatore e missionario portoghese, nato a Viseu nel 1580, morto a Goa nel 1646. Nel 1601 fu inviato a Goa e nel 1624 si recò in Etiopia dove rimase fino al 1634, anno in cui fu espulso. Durante questo periodo scoprì le sorgenti del Nilo Azzurro e pubblicò una storia dell'Etiopia in dieci libri, con una carta su cui è riportata la posizione delle sorgenti del fiume.

AL - MUQÀDDASI - Viaggiatore e descrittore arabo, nato a Gerusalemme nel 947. Visitò tutti i paesi dell'Islàm, esclusa la Spagna, interessandosi particolarmente ai popoli, agli usi e costumi, alle lingue, alle credenze religiose e ai commerci. Nel 985 scrisse la sua relazione: Ahsan attaqasìn fi ma'rifat al-aqalìm (La migliore divisione per la conoscenza dei paesi).

ALPINO, Prospero - Viaggiatore, medico e botanico italiano, nato a Marostica nel 1553, morto a Padova nel 1617. Nel 1580, al séguito del console veneto Giorgio Emo, si recò in Egitto dove fece importanti osservazioni scientifiche e raccolse molto materiale naturalistico. Rimase in Egitto tre anni e con le piante riportate fondò l'Orto Botanico di Padova.

ALVARADO, Pedro de - Esploratore, navigatore e conquistatore spagnolo, nato a Badajoz nel 1486, morto a Jalisco (Guatemala) nel giugno del 1541. Fu luogotenente di Cortés nella guerra contro gli Aztechi e si distinse per coraggio e tempestività. Nel 1520 Cortés dovette partire per combattere contro Panfilo de Narvaez e lasciò a Tenochtitlan Alvarado che compì atti di ferocia spietata contro la nobiltà messicana. Al ritorno di Cortés la popolazione si sollevò e gli spagnoli furono duramente battuti. Alvarado visitò poi, per ordine di Cortés, il territorio degli Zapotecas e le coste del Golfo del Messico, dove fondò alcuni villaggi. Combatté in séguito nel Guatemala, ma, dopo una serie di splendide vittorie, venne costretto a ritornare in Messico. Dopo un breve periodo di riposo in patria, nel 1536 si recò in Perù fondandovi Lima e Quito e l'anno dopo si recò nell'Honduras gettando le basi per la costruzione di altre città.

ALVAREZ, Francisco - Viaggiatore e missionario portoghese, nato a Coimbra verso il 1490, morto forse nel 1541. Era cappellano del re Emanuele del Portogallo che lo designò come consigliere e assistente dell'ambasciata da lui spedita in Etiopia presso la regina Elena che invocava aiuto contro i musulmani. La relazione del suo viaggio è una delle opere classiche della letteratura portoghese e svelò all'Europa il vero aspetto dell'Etiopia.

AMDRUP, Georg Carl - Esploratore danese, nato a Copenaghen nel 1866, morto il 16 gennaio 1947. Nel 1898-1899 e nel 1900 esplorò la Terra di Cristiano IX nella Groenlandia orientale. Durante il primo viaggio coprì 450 miglia in barca lungo la costa e nel secondo, accompagnato da Ejnar Mikkelsen e da due marinai, compì un viaggio di 43 giorni da Capo Dalton (a sud dello Scoresby Sound) ad Angmagssalik.

AMUNDSEN, Roald Engelbert - Esploratore norvegese, nato a Borge, nei pressi di Oslo, il 16 luglio 1872, tragicamente scomparso nel Mare di Barents nel giugno del 1928, mentre si apprestava a ricercare i naufraghi del dirigibile Italia. Abbandonati gli studi di medicina, nel 1894 si imbarcò come semplice marinaio e nel biennio 1897-1899 fece parte della spedizione della Belgica come primo ufficiale. Nel 1901 acquistò la baleniera Gjöa di 47 t, con la quale portò a termine un lungo viaggio nel mare di Barents, presso le coste delle Svalbard e della Groenlandia, raccogliendo preziose documentazioni oceanografiche. Nel 1903, con la stessa nave, percorse il Passaggio del Nord-Ovest. La spedizione, oltre ad aver compiuto il primo periplo completo delle coste settentrionali del Nord America, determinò la posizione del Polo Magnetico Boreale e permise una serie di importantissimi studi sul magnetismo terrestre e la raccolta di preziose notizie sulla vita degli Eschimesi. Nel 1909 preparò la spedizione al Polo Sud con la gloriosa Fram di Nansen, riuscendo ad esplorare metodicamente tante zone finora sconosciute. Il 14 dicembre 1911 toccava per primo il Polo Sud, cinque settimane prima del suo eroico competitore Capitano Scott. Il successo fu dovuto, principalmente, all'accurata preparazione della spedizione e all'intelligente scelta del materiale, dell'itinerario e degli uomini. Nel 1922 guidò la spedizione artica del Maud che restò fra i ghiacci artici per complessivi sette anni (1918-1925). Nel 1925 tentò un volo al Polo Nord con due idrovolanti, ma l'audace impresa non ebbe esito favorevole. Nel 1926 ritentò la prova col dirigibile italiano Norge ideato e pilotato da Umberto Nobile e riuscì a sorvolare il Polo raggiungendo Teller su mare di Bering. Nel 1928, alla notizia del disastro che aveva colpito l'aeronave Italia, salì a bordo di un idrovolante francese pilotato dal comandante Guilbaud per iniziare le ricerche dei naufraghi, ma non tornò più.

ANACARSI - Viaggiatore e filosofo della Scizia, vissuto nel VI secolo a.C. Avrebbe viaggiato a lungo in Grecia dove sarebbe stato accolto fra i Sette Savi. Intorno al 589 fu amico di Solone. Ritornato nel Ponto Eusino, tentò di propagandare il culto di Demetra, ma fu ucciso dal fratello Saulio.

ANDERSON, James - Esploratore inglese, nato a Calcutta (India) il 15 gennaio 1812, morto a Sutton West (Ontario) il 16 ottobre 1867. Nel 1831 entrò al servizio della Compagnia della Baia di Hudson e fece rapidamente carriera fino a diventare agente principale. Nel 1850 diresse il Distretto del Mackenzie e nel 1855 ebbe l'incarico di discendere il Grande Fiume dei Pesci per scoprire eventuali tracce della spedizione Franklin. Anderson esplorò terre ignote e, arrivato al mare, trovò nell'isola Montréal degli utensili e dei pezzi di legno, su uno dei quali si leggeva la parola Terror, una delle navi di Franklin. Il viaggio di ritorno fu durissimo e Anderson morì più tardi a causa della tubercolosi contratta durante il viaggio.

ANDERSON, William Robert - Navigatore americano, nato a Waverley (Tennessee) nel 1921. Vivente. Nel 1943 uscì dall'Accademia di Annapolis e combatté nel Pacifico come comandante in seconda di sommergibili. Nel 1958, al comando del sommergibile atomico Nautilus attraversò il bacino artico. La partenza avvenne da Honolulu il 23 luglio 1958, il 3 agosto il Nautilus era il Polo Nord e il 12 agosto arrivò a Portland (Inghilterra).

ANDERSSON, Carl John - Viaggiatore svedese, nato a Wermland nel 1827, morto il 5 luglio 1867. Nel 1850 compì alcune esplorazioni nell'Africa meridionale e nella regione del lago Ngami e nel 1856 visitò l'Angola. Nel 1867 si stabilì nel Damara e tentò di esplorare il paese degli Ovambo, ma stremato dalle malattie morì.

ANDERSSON, Gunnar Johan - Esploratore, geologo e archeologo svedese, nato il 3 luglio 1874, morto a Stoccolma il 29 ottobre 1960. Nel 1898 fu membro della spedizione di A.G. Nathorst nelle Svalbard e nel 1899 guidò una spedizione nell'isola dell'Orso. Nel 1901-1904 fu comandante in seconda della spedizione antartica di Otto Nordenskiöld.

ANDRADE, Antonio de - Viaggiatore e missionario portoghese, nato a Oleiros nel 1580, morto avvelenato a Goa il 19 marzo 1634. Apparteneva alla Compagnia di Gesù. Nel 1600 si recò in India e di là si spinse oltre le impervie giogaie dell'Himalaia per visitare quelle popolazioni e predicare il Vangelo. Lo accompagnava un altro padre gesuita, come lui travestito da indù. Furono essi i due primi europei a passare l'Himalaia dall'India e a raggiungere una delle sorgenti principali del Gange ai piedi del Kamet (7150 m). Nel 1625 fu di nuovo nella regione tibetana. È il fondatore della Missione cattolica del Tibet, regione che egli illustrò dottamente in una relazione pubblicata per la prima volta a Lisbona nel 1626. Tale relazione venne anche tradotta in italiano e pubblicata in tre edizioni (Roma, Napoli, Venezia) nel 1627.

ANDRE', Louis - Viaggiatore e missionario gesuita francese, nato a Saint Rèmy nel 1631, morto a Quebec il 19 settembre 1715. Dal 1669 fu missionario nel Canada, specialmente presso gli Algonchini, della cui lingua lasciò anche un dizionario inedito. Scrisse molte relazioni, di cui è particolarmente importante quella che riguarda l'ampiezza delle maree nel Golfo di S. Lorenzo.

ANDRÉE, Salomon August - Esploratore svedese, nato a Gränna, il 18 ottobre 1854, scomparso nelle terre artiche nel 1897. Dopo essersi laureato in Scienze Fisiche preparò la memorabile spedizione al Polo Nord col pallone Aquila. Partì dalla Baia della Vergine in compagnia degli scienziati Nils Strindberg e Knut Hjalmar Ferdinand Fraenkel, ma più nulla si seppe di lui. Nel 1930 una spedizione norvegese imbarcata sulla nave Bratvaag si recò nell'Isola Bianca e il 5 agosto alcuni marinai ritrovarono sotto i ghiacci le salme degli sfortunati esploratori. Accanto a loro furono rinvenuti i diari in gran parte conservati e una commissione svedese li elaborò e li completò pubblicandone un interessantissimo volume.

ANDREWS, Roy Chapman - Esploratore statunitense. Nel 1919 guidò la spedizione, organizzata dal Museo americano di Storia Naturale, che percorse il territorio dell'Altai e Kalgan. Notevoli furono i risultati geografici (cartografia di vaste regioni sconosciute), geologici, paleoetnologici e paleontologici.

ANDROSTENE, di Taso - Viaggiatore greco. Secondo Strabone toccò le coste dell'attuale Oman e lasciò una relazione ben documentata intorno alle cose viste e notate.

ANNONE - Si veda: HANNO.

ANSHU, Piotr Fiodorovič - Conosciuto anche come ANJOU P. Th. Ufficiale di marina ed esploratore polare russo, nato il 15 dicembre 1796, morto il 12 ottobre 1869. Nel 1820-1824 esplorò una parte dell'isola di Vrangel, le coste siberiane tra le foci dell'Olenjok e dell'Indigirka e, soprattutto, le isole della Nuova Siberia, fra 76° 36' lat. N e 137° 26' long. E, di cui lasciò una carta. Studiò per primo la formazione del ghiaccio nel mare di Laptev. Col suo nome è stato battezzato un gruppo di piccole isole della Nuova Siberia.

ANSON, George - Ammiraglio e navigatore inglese, nato a Shugborough nel 1697 e morto a Moor Park il 6 giugno 1762. Entrato in Marina nel 1712 fece una rapida carriera. Si segnalò in tre spedizioni, nella Carolina del Sud tra il 1724 e il 1735. Quando (1739) Re Giorgio II d'Inghilterra ruppe le relazioni con la Spagna, Anson ebbe il comando di una squadra navale incaricata di attaccare le colonie spagnole nell'America meridionale. Partì il 18 settembre 1740 con notevole ritardo sul previsto e delle sei navi che aveva, quattro affondarono in una tempesta all'altezza di Capo Horn. Nell'autunno del 1741 raggiunse il Perù da dove, con una navigazione di quasi quattro mesi, si portò nell'arcipelago dei Ladroni e poi nelle acque cinesi. Doppiato poi il Capo di Buona Speranza, il 15 giugno 1744 ritornò in Inghilterra. Il 3 maggio 1747 sconfisse, al largo di Capo Finisterre, una flotta francese diretta alle Indie. Il re d'Inghilterra lo nominò baronetto e poi ammiraglio.

ANTINORI, Orazio - Esploratore italiano, nato a Perugia il 27 ottobre 1811, morto nella stazione scientifica di Let-Marefià il 27 agosto 1882. Prese parte alle guerre nazionali del 1848-49 e fu ferito nella battaglia della Cornuda. Dopo la caduta della Repubblica Romana emigrò in oriente e visitò Atene, Costantinopoli, Smirne e l'Anatolia facendosi apprezzare per numerose pubblicazioni ornitologiche. Nel 1858 si recò in Egitto da dove, unitosi agli italiani Castelbolognesi e Piaggia e ai francesi Poncet, Vayssierre e Lejean si portò sul Nilo Azzurro e nella regione del Bahr-el-Gazal. Nel 1867 fu tra i fondatori della Società Geografica Italiana e ricoprì la carica di segretario generale. Nel 1869 compì un viaggio in Nubia e l'anno dopo, accompagnato da Odoardo Beccari, Arturo Issel e Giuseppe Sapeto, si recò ad Assab e Ceree e si stabilì per due anni in Etiopia iniziando importanti raccolte zoologiche. All'età di 65 anni ottenne di essere posto a capo di una grande spedizione scientifica alla regione dei laghi equatoriali e riuscì a fondare una stazione scientifica a Let-Marefià. Erano con lui il cap. Sebastiano Martini Bernardi e l'ing. Giovanni Chiarini. Privato, per lo scoppio di un'arma da fuoco, della mano destra, non poté unirsi al cap. Cecchi e all'Ing. Chiarini che partivano per la loro tragica spedizione. Rimasto nello Scioa lo esplorò minutamente e,  rifiutandosi di rimpatriare, fu designato quale plenipotenziario italiano per i rapporti fra l'Italia e Re Menelik. Quando il Conte Pietro Antonelli era già in viaggio con le note diplomatiche, il marchese Antinori cessava di vivere.

ANTOGNOLI, Adolfo - Esploratore italiano, nato a Lucca l'8 dicembre 1826, morto il 18 luglio 1868 di febbre gialla a bordo di una nave nei pressi di Suakim. Laureatosi in ingegneria, nel 1855 si recò in Egitto dedicandosi al commercio e alla sua professione. Nel 1857 si unì a Castelbolognesi e si recò nel Sennaar. Viaggiò poi sui due Nili raccogliendo importanti collezioni naturalistiche. Nel 1868 fece parte della spedizione inglese contro il Negus Teodoro ed eseguì vari rilievi idrografici nel Mar Rosso.

ANTONELLI, Pietro - Viaggiatore italiano nato a Roma il 19 aprile 1853, morto sulla nave che dall'America lo conduceva in Italia l'11 gennaio 1901. Nel 1879 si unì alla spedizione diretta dal cap. Sebastiano Martini Bernardi che portava aiuti ad Orazio Antinori nella regione dei laghi equatoriali. Riuscito a penetrare nello Scioa vi rimase qualche tempo poi, nell'ottobre del 1880 volle andare ad incontrare il cap. Cecchi che ritornava dalla sua prigionia presso la regina di Ghera. Ritornato a Let-Marefià accompagnò Antinori e Cecchi in una spedizione nel Limmu, poi seguì Cecchi nel suo viaggio di ritorno in Italia. Partì nuovamente per lo Scioa seguendo la via inesplorata da Assab attraverso l'Aussa. Fallite le trattative fra Menelik e l'Italia nel marzo del 1891 ritornò definitivamente in Italia e tre anni dopo venne nominato sottosegretario agli Affari Esteri. Più tardi fu ministro d'Italia a Buenos Aires e a Rio de Janeiro.

APPUN, Karl Ferdinand - Viaggiatore, naturalista e pittore polacco, nato a Bunzlau (Boleslawiec) il 24 maggio 1820, morto a Mazaruni (Guaiana inglese) il 18 luglio 1872. Dal 1849 al 1859 visitò le parti più interne e inesplorate della Guaiana venezuelana e di quella inglese fino al confine col Brasile. Visse a lungo con gli Indios del Rio Branco e del Rio Negro e risalì il Rio delle Amazzoni fino a Tabatinga, sul confine col Perù. Studiò a fondo la botanica dei paesi visitati e molto concorse alla conoscenza della Guaiana.

ARCTOWSKI, Henryk - Esploratore e meteorologo polacco, nato a Varsavia nel 1872 e morto il 20 febbraio del 1958. Partecipò come meteorologo alla spedizione antartica della Belgica (1897-1899) e fu il primo meteorologo a svernare in quel continente. Nel 1902 pubblicò le sue osservazioni sulla meteorologia e sulle aurore australi della regione visitata.

ARIOSTO, Alessandro - Religioso e viaggiatore italiano, nato a Ferrara in una data imprecisabile. Anche l'anno della morte è incerto. Sembra, comunque, che sia vissuto tra il 1430 e il 1500. Entrato giovanissimo nell'Ordine dei Francescani, compì un viaggio in Palestina e un altro in Siria, Palestina e Egitto fra il 1475 e il 1478. Lasciò un'interessante narrazione delle sue peregrinazioni, nella quale sono riportate notizie religiose, storiche e geografiche viste con l'occhio dell'osservatore e non dell'asceta.

ARMINJON, Vittorio - Navigatore italiano, nato a Chambéry il 9 ottobre 1840, morto a Genova il 3 febbraio 1897. Prese parte alla campagna di Crimea meritandosi la promozione a luogotenente e passò poi alla Marina francese rimanendovi due anni. Al comando della corvetta Magenta compì la circumnavigazione del globo. La spedizione fu senza dubbio una delle più memorabili imprese del secolo e una delle più ricche di risultati scientifici. In seguito diresse una campagna nel Mediterraneo e nell'Atlantico e riuscì a risalire a discendere alla vela il fiume Tago.

ARMITAGE, Albert Borlase - Navigatore inglese, nato nel 1864, morto il 31 ottobre 1943. Fu comandante in seconda della spedizione Jakson-Harmworth alla Terra di Francesco Giuseppe nel 1894-97 con la nave Windward e comandante in seconda della Discovery durante la spedizione antartica di Scott nel 1901-1904. Fu il primo di quella spedizione a penetrare nell'altopiano antartico.

ARSENJEV, Vladimir Klavdijevič - Esploratore, etnologo e geologo russo, nato il 29 agosto 1872, morto il 4 settembre 1930. Dal 1902 al 1910 viaggiò in regioni poco note lungo l'Amur-Ussuri. Raccolse molto materiale e note scientifiche riguardanti la fauna, la geologia, l'idrografia, le lingue e i costumi di piccoli gruppi etnici. Lasciò alcune opere molto interessanti.

ASCELINO, Nicolò - Viaggiatore e missionario italiano, nato in Lombardia, appartenente all'ordine di San Domenico. Contemporaneamente a Giovanni da Pian del Carpine venne da Innocenzo IV inviato fra i Mongoli. Lo accompagnavano frate Simeone da San Quintino e Andrea Longjumel. Da S. Giovanni d'Acri giunse in Persia attraverso l'Armenia e la Georgia. Altre notizie del suo viaggio non si conoscono.

ASCOLI, Costantino d' - Viaggiatore e missionario cappuccino, originario di Ascoli Piceno, vissuto nel secolo XVIII. Andò nel Nepal a predicare il cristianesimo e lasciò in manoscritto intitolato Notizie laconiche sovra alcuni usi, sacrifici ed idoli del regno di Nepal.

ATLASSOV, Vladimir Vassiljevič - Mercante di pelli ed esploratore cosacco-siberiano, nato intorno al 1652, morto a Nishne-Camciatca nel 1711. Nel 1697, con 120 uomini che divisi in due gruppi, iniziò l'esplorazione e l'occupazione della penisola di Camciatca. Un gruppo l'attraversò fino alle coste orientali. Lasciò un'accurata relazione su tutte le sue scoperte. La penisola fu compiutamente conquistata dai Russi nel 1706.

AUSTIN, Sir Horatio Thomas - Esploratore inglese, nato nel 1801, morto a Londra il 16 novembre 1865. Arruolatosi in Marina nel 1813, l'anno dopo prese parte alla campagna contro gli Stati Uniti e nel 1822 fu promosso luogotenente. Due anni dopo fu imbarcato sulla Fury e prese parte al terzo viaggio artico di Parry. Lo scopo di questo viaggio era la ricerca del passaggio di Nord-Ovest, ma dopo uno sverno lungo le coste orientali del canale Principe Reggente e il naufragio della nave, la spedizione rientrò in patria a bordo della Hecla, l'altro bastimento della spedizione. Nel dicembre 1827, agli ordini del capitano Henry Foster, prese parte, a bordo del Chanticler, a una spedizione scientifica nel mare dei Caraibi, nell'Atlantico meridionale e nell'Antartide. Foster annegò nel febbraio 1831 e Austin assunse il comando della spedizione. Per alcuni anni fu comandato a sperimentare i primi navigli a vapore. Nel 1850 fu scelto a comandare una spedizione inviata alla ricerca di Franklin: la squadra era composta dai due velieri Resolute e Assistance e dai due vapori Pioneer e Intrepid. Dopo aver visitato novecento miglia di coste sconosciute, l'anno dopo rientrava in Inghilterra con la scoperta delle prime tracce dell'infelice esploratore. Il risultato geografico più importante fu la scoperta della terra Principe di Galles.

AVÉ-LALLEMANT, Robert Cristian Berthold - Esploratore tedesco, nato a Lubecca il 27 luglio 1812, morto il 10 ottobre 1884. Trasferitosi come medico nel Brasile, viaggiò in lungo e in largo il Paese facendo molte osservazioni naturalistiche.

AZARA, Felix de - Naturalista e viaggiatore spagnolo, nato a Barbuñales (Aragona) il 18 maggio 1746, ivi morto il 28 ottobre 1811. Faceva parte del corpo degli ingegneri militari e nel 1775 prese parte alla spedizione militare d'Algeri riportando una ferita. Nel 1781 fu inviato nell'America meridionale per determinare i confini fra le colonie spagnole del Plata e quelle portoghesi del Brasile. Di sua iniziativa rilevò la carta generale della regione. Le autorità spagnole gli crearono infiniti ostacoli e un governatore arrivò al punto di confiscargli parte delle carte e presentarle poi alla corona come frutto di suoi studi.

AZEVEDO, Francisco de - Missionario e viaggiatore portoghese, nato a Lisbona nel 1578, morto a Goa il 12 agosto 1660. Entrato nella Compagnia di Gesù, fu inviato nelle missioni delle Indie orientali dove passò tutto il resto della vita. Nel 1627 partì da Goa per Agra e si trattenne in quella città fino al 1631, anno in cui lasciò l'India per visitare, sempre a scopo missionario, le regioni adiacenti al Tibet. Arrivò fino a Leh sull'alto Indo da dove, per Lahul e Kulu, ritornò ad Agra. Scrisse un'importante relazione che, in parte, è ancora inedita.